Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Ballottaggi elezioni comunali 2019 Verbania | Candidati | Come si vota

Immagine di copertina

Ballottaggio Verbania 2019 | Verbania Ballottaggio elezioni comunali 2019 | Candidati

Ballottaggio Verbania 2019 | Domenica 9 giugno 2019, a due settimane dal primo turno, i cittadini di Verbania sono chiamati a scegliere il nuovo sindaco e ad eleggere il consiglio comunale. 

Qui i risultati del primo turno
> Qui tutti i comuni al ballottaggio

Ballottaggio Verbania | I candidati

Il 26 maggio nessuno dei candidati è riuscito a superare il 50 per cento più uno dei voti, ed è per questo che i due candidati più votati sono andati al ballottaggio. Si tratta di Giandomenico Albertella, attuale sindaco di Cannobio, candidato sostenuto da Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e la lista civica Insieme per Verbania.

Per il centro sinistra c’è invece Silvia Marchionini, sindaca uscente, appoggiata da Partito democratico, Verbania Viva e La Verbania del Sì.

Ballottaggio Verbania | Com’è andato il primo turno del 26 maggio

Di seguito i risultati del primo turno svoltosi domenica 26 maggio 2019:

Giandomenico Albertella (Lega) 45.8%

Silvia Marchionini (PD) 37.5%

Roberto Campana (M5S) 5%

Patrich Rabaini (lista civica Comunità) 3,5%

Vladimiro Di Gregorio (Partito Comunista) 2,9%

Renato Brignone (Una Verbania Possibile) 2.7%

Loredana Brizio (Grande Nord) 2.6%

Verbania elezioni comunali 2019 | Come si vota

A Verbania, così come gli altri comuni italiani al voto, al primo turno si poteva votare per un candidato sindaco e per la lista collegata a lui, oppure per un candidato sindaco e una lista non collegata. Si tratta del cosiddetto voto disgiunto. Al ballottaggio non era invece consentito.

Il sindaco viene eletto con sistema maggioritario. La ripartizione dei seggi ai consiglieri avviene invece con sistema elettorale proporzionale.

Alle liste collegate al candidato sindaco vincitore viene attribuito il 60 per cento dei seggi. I restanti posti nel Consiglio verranno poi assegnati alle altre liste in maniera proporzionale.

Accedono al riparto dei seggi le liste che superano la soglia di sbarramento del 3 per cento.

Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni a Tripoli: “Rafforzata collaborazione con l’autorità libica in relazione alla guardia costiera”
Politica / Crosetto sotto attacco dell’ex premier russo Medvedev: “È uno sciocco raro”
Politica / L’ex M5s Giarrusso entra nel Pd: “Sto con Bonaccini, all’Italia serve più sinistra”
Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni a Tripoli: “Rafforzata collaborazione con l’autorità libica in relazione alla guardia costiera”
Politica / Crosetto sotto attacco dell’ex premier russo Medvedev: “È uno sciocco raro”
Politica / L’ex M5s Giarrusso entra nel Pd: “Sto con Bonaccini, all’Italia serve più sinistra”
Politica / Pista anarchica per gli attacchi ai diplomatici italiani a Barcellona e Berlino: cinque fermati
Politica / Carcere per i clienti delle prostitute e per chi si apparta in auto: la proposta di legge di Fratelli d’Italia
Politica / Zelensky a Sanremo, da Calenda a Conte si allarga il fronte dei politici contrari
Politica / Revelli a TPI: “Meloni sta realizzando una rivoluzione conservatrice mai riuscita a nessuno in Italia”
Politica / Il ministro Valditara premia il merito degli amici suoi
Politica / Giorno della memoria, Meloni: “La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità”
Politica / Cannabis, il botta e risposta tra Schlein e Salvini sulla legalizzazione