Covid ultime 24h
casi +17.657
deceduti +344
tamponi +320.892
terapie intensive -15

“Pronti a ripartire con AstraZeneca”: intesa tra Italia e Francia sul vaccino. Macron irritato con la Merkel

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 17 Mar. 2021 alle 07:54
237
Immagine di copertina

Vaccino AstraZeneca: intesa tra Draghi e Macron. Francia irritata con la Germania

Italia e Francia sono pronti a ripartire con le somministrazioni del vaccino AstraZeneca non appena l’Ema darà il suo ok: è nel tardo pomeriggio di martedì 16 marzo che Draghi e Macron si sentono al telefono per tentare di sbloccare il pasticcio europeo sul siero dell’azienda anglo-svedese.

Il premier italiano e il presidente francese definiscono “incoraggiante” il primo pronunciamento dell’Ema nel corso della conferenza stampa pomeridiana e promettono di far “ripartire speditamente la somministrazione” non appena l’agenzia europea darà il via libera definitivo nella giornata di giovedì 18.

L’intesa tra Draghi e Macron è significativa per almeno due motivi. Il primo è che sia Italia che Francia non prendono nemmeno in considerazione il fatto che il vaccino possa essere in qualche modo bloccato dall’Ema. Prova ne è che il governo italiano ha già fatto sapere che lo stop al siero verrà riassorbito nel giro di due settimane, anche grazie all’incremento delle dosi Pfizer in arrivo.

Ma è soprattutto la decisione di Draghi e Macron di escludere la Germania dal colloquio che denota una certa irritazione di Italia e soprattutto Francia nei confronti di Berlino.

Non è un mistero ormai che lo stop ad AstraZeneca sia stato in un certo senso imposto dai tedeschi, i quali, in modo autonomo hanno deciso di sospendere le somministrazioni in seguito a 7 casi sospetti su un 1,6 milioni di vaccini, provocando un effetto a valanga su tutti gli altri Paesi.

Macron non avrebbe nascosto una certa irritazione nei confronti della Germania. Secondo indiscrezioni, infatti, il capo dell’Eliseo avrebbe saputo dello stop tedesco mentre era a colloquio con il premier spagnolo Sanchez e a quel punto, così come Italia e Spagna, non ha potuto fare altro che allinearsi a una decisione non concordata.

Ed è proprio per questo motivo che, nel corso della riunione tra i Ventisette tenutasi nel pomeriggio di martedì, l’Ema è stata invitata a esprimersi in modo netto, frugando ogni dubbio sui casi sospetti a partire proprio da quelli tedeschi che hanno creato l’effetto domino.

Il timore di Draghi, però, è che la sfiducia di parte dei cittadini, disorientati da una scelta poco chiara, nei confronti di AstraZeneca possa comunque compromettere in parte la campagna vaccinale.

Ecco perché è fondamentale una campagna di comunicazione da parte dell’esecutivo, ma anche delle parole chiare e ferme da parte del premier, che già nella giornata di giovedì 18 marzo potrebbe affrontare l’argomento a Bergamo, dove si terrà una commemorazione per le vittime del Covid.

Leggi anche: 1. “L’Italia non doveva sospendere il vaccino AstraZeneca, abbiamo agito per emotività o politica” / 2. Invece di allarmarvi, chiedetevi a chi conviene se il vaccino AstraZeneca viene sospeso /3. Rischio Vaccino AstraZeneca, i soggetti con trombosi o embolie sono appena 37 su 17 milioni di vaccinati: i dati

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

237
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.