Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Vaccini, Enrico Letta ringrazia Salvini: “Ha fatto bene a vaccinarsi”

Immagine di copertina

Il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, ha ringraziato il leader della Lega, Matteo Salvini, per essersi vaccinato contro il Covid. “Non so se Salvini si sia vaccinato per le parole di Draghi o lo avrebbe fatto comunque: penso che in ogni caso abbia fatto bene”, ha detto l’ex presidente del Consiglio, come riportato da Sky Tg24.

Dopo settimane di attesa e mistero, Matteo Salvini si è infatti vaccinato ieri contro il nuovo Coronavirus, facendosi inoculare la prima dose di un siero anti-Covid. “L’ho fatto non perché me lo ha imposto qualcuno ma per libera scelta”, aveva spiegato ieri il leader della Lega a Macerata. I vaccini salvano la vita, invito tutti a mettersi in sicurezza. Non costringo nessuno, ma se qualcuno mi vuole convincere che i bimbi di 12 anni bisogna vaccinarli per andare a scuola non mi convincerà mai”.

Una scelta elogiata da Enrico Letta, convinto sostenitore della necessità di somministrare quanti più vaccini anti-Covid possibile. “Penso che sia stato un messaggio molto importante”, ha detto il segretario del Pd. “E lo dico francamente, perché bisogna cercare di essere onesti intellettualmente: vedo tutte le critiche che (Salvini – ndr) sta ricevendo da un mondo folle di no vax. Quindi penso, senza nessuna critica, che Salvini abbia fatto bene. Francamente gli sono grato”.

Ieri, l’ex premier aveva collegato la scelta del leader del Carroccio alle parole di Mario Draghi che, nel corso della conferenza stampa di giovedì 22 luglio per presentare le nuove misure anti-Covid, aveva detto che qualunque “appello a non vaccinarsi è un appello a morire o a far morire”.

Draghi è fantastico, è un drago”, aveva esultato ieri sera Letta alla Festa dell’Unità a Napoli. “Ieri ha detto che bisogna vaccinarsi e subito stamattina Salvini si è vaccinato. È stato bravissimo: io penso che dobbiamo tirare dritto su questa strada. A un certo punto Draghi dovrà dirgli adesso mettiti da parte e lui si metterà da parte. Credo che sia importantissimo e fondamentale che noi riusciamo a fare bene questo lavoro di sostegno al Governo perché faccia bene tutte le cose che sono da fare”.

Leggi anche: Perché i politici non fanno selfie mentre si vaccinano (di S. Lucarelli)

Ti potrebbe interessare
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra