Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

Crisi Usa-Iran: Salvini elogia Trump per il raid che ha ucciso Soleimani, ma nel 2014 attaccava Obama per i bombardamenti in Siria

In Rete sta circolando un vecchio post in cui il leader della Lega criticava duramente Obama colpevole, a suo dire, di aver alimentato "una nuova guerra santa"

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 4 Gen. 2020 alle 17:42
726
Immagine di copertina

Crisi Usa-Iran: Salvini elogia Trump, ma nel 2014 attaccava Obama

Salvini elogia Donald Trump per aver ordinato il raid in cui è stato ucciso a Baghdad il generale iraniano Qassem Soleimani (qui il suo profilo), innescando la crisi tra Usa e Iran, ma ai tempi di Obama la pensava diversamente.

Poche ore dopo la morte di Soleimani, infatti, l’ex ministro dell’Interno ha scritto sui suoi social: “Donne e uomini liberi devono ringraziare il presidente Trump e la democrazia americana per aver eliminato uno degli uomini più pericolosi e spietati al mondo, un terrorista islamico, un nemico dell’Occidente, di Israele, dei diritti e delle libertà”.

salvini trump obama

Tuttavia, a molti non è sfuggito il fatto che il leader della Lega nel 2014 la pensava diversamente.

Il 15 settembre 2014, infatti, Matteo Salvini scriveva sul suo profilo Facebook: “Altro che “primavera araba”, quel genio di Obama ha alimentato una nuova, pazzesca “guerra santa” contro di noi! Pensiamo a casa nostra, invece di incasinare il mondo”.

salvini trump obama

In quell’occasione, l’ex presidente degli Stati Uniti aveva annunciato soltanto pochi giorni prima una massiccia campagna anti Isis in Siria con una serie di bombardamenti mirati in particolare al confine con l’Iraq.

Leggi anche:

Fuori c’è la guerra, qui Checco Zalone (di Giulio Cavalli)

Altro che guerra al terrore: Trump utilizza l’Iran per vincere le elezioni (di L. Telese)

Crisi Usa-Iran, le alleanze sul campo: chi sta con chi. E l’Italia?

726
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.