Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:51
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Inps, fu il governo M5s-Lega ad avviare l’aumento di stipendio di Tridico

Immagine di copertina
Pasquale Tridico con Luigi Di Maio. Credit: Ansa

È stato il governo gialloverde, composto da Lega e Movimento Cinque Stelle, ad avviare nel 2018 le procedure per l’aumento di stipendio del presidente Inps Pasquale Tridico. È quanto rivela oggi un’inchiesta di Repubblica. “Gli stipendi di oggi dei vertici di Inps, ma anche di Inail, sono frutto di un patto Lega-M5S siglato con l’altro vicepremier Matteo Salvini e avallato dal premier Conte -scrivono Valentina Conte e Giovanna Vitale – Lo dicono le carte. La legge che ha istituito Reddito di cittadinanza e Quota 100 prevede che le retribuzioni siano fissate con decreto del ministro del Lavoro. Una nota dell’allora capogabinetto di Di Maio, Vito Cozzoli — ora presidente di Sport e Salute, spa del ministero dell’Economia — datata 12 giugno 2019, lo dimostra. Con tanto di cifre: 150 mila euro al presidente, 100 mila euro al vicepresidente e 23 mila euro ai tre consiglieri dei due consigli di amministrazione ancora da nominare”.

“La nota era indirizzata alla Direzione generale per le politiche previdenziali dello stesso ministero del Lavoro e per conoscenza al premier, al ministro del Tesoro Giovanni Tria e al Ragioniere dello Stato Biagio Mazzotta” ed era “espressione di un accordo faticosissimo raggiunto tra Di Maio e Salvini per spartirsi sia l’Inps che l’Inail”

Insomma, l’iter per il generoso aumento del compenso di Tridico (nonché del suo vice e altri cinque consiglieri) avrebbe proprio il bollino gialloverde. Una circostanza che, c’è da giurarci, rischia di provocare un fortissimo imbarazzo tra le fila pentastellate. Tridico è stato scelto proprio dai 5 Stelle, alfieri della lotta ai privilegi della casta.  Le vicende politiche che hanno portato alla caduta del Governo Conte 1 hanno bloccato l’iter per gli aumenti di stipendio, poi riavviato col Governo Conte 2 e culminato nel decreto interministeriale della ministra Catalfo, “bollinato” anche dal ministero dell’Economia di Roberto Gualtieri.

Con cifre, spiega Repubblica, analoghe a quelle già predisposte dall’esecutivo Lega-M5s, a parte un ulteriore aumento previsto per il vicepresidente Inps. “Una formula che garantisce comunque i 100 mila euro promessi al vice dell’Inail Paolo Lazzari, anche lui fedelissimo di Di Maio, ex vicegabinetto di Cozzoli per qualche mese nel 2018, avvocato e collega di facoltà all’università Roma Tre — benché ancora non in aspettativa — del presidente Inps Pasquale Tridico”.

Insomma, ciò che ha completato il governo giallorosso, lo aveva iniziato quello gialloverde. Oltre agli imbarazzi dei Cinque Stelle, andrà chiarita anche la posizione della Lega. Su tutte le furie in queste ore per l’aumento di stipendio di Tridico, ora emerge che faceva parte dell’esecutivo che per primo lo aveva predisposto.

Leggi anche: Tridico a TPI: “L’INPS? Stiamo riempiendo di soldi gli italiani, 26 miliardi di euro a 18 milioni di cittadini”

Ti potrebbe interessare
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso
Politica / Maurizio Landini a TPI: “Oggi la nostra piazza sarà più forte di loro, scendete insieme a noi”
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Ti potrebbe interessare
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso
Politica / Maurizio Landini a TPI: “Oggi la nostra piazza sarà più forte di loro, scendete insieme a noi”
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Politica / Il candidato romano di Meloni a Tor bella monaca che non rinnega "camicia nera e saluto romano"
Politica / Indiscreto: Merkel offre a Draghi lo scettro d’Europa
Politica / L’ultimo volo di Alitalia, il sindaco di Fiumicino al gate: “Ita non ha visione e nessuno pensa ai lavoratori dell’indotto”
Politica / Chi flirta col Ventennio: ecco chi sono i nostalgici imbucati tra Lega e Fratelli d’Italia
Cronaca / Scontro Salvini-Letta sul Green Pass: “Semplificare vita ai non vaccinati”. Il leader Pd: “Non cedere su regole”
Politica / Draghi irritato con Lamorgese per la circolare sui tamponi gratis ai portuali di Trieste
Cronaca / Scontri a Roma, Lamorgese: “Nessun arresto per evitare rischi”. Meloni attacca: “È strategia della tensione”