Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Strage di Bologna, Mattarella: “Ancora zone d’ombra”

Immagine di copertina
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella

il discorso del presidente della Repubblica nel 39esimo anniversario dell'attentato

Strage di Bologna, le parole di Mattarella

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ammette sulla strage di Bologna pendono ancora “zone d’ombra”. “Le istituzioni, grazie all’opera meritoria dei suoi uomini, sono riuscite a definire una verità giudiziaria, giungendo alla condanna degli esecutori e portando alla luce la matrice neofascista dei terroristi. L’impegno profuso non è riuscito, tuttavia, a eliminare le zone d’ombra che persistono sugli ideatori dell’attentato”, ha dichiarato il capo dello Stato in occasione del 39esimo anniversario della strage.

“È una verità che dovrà essere interamente conquistata, per rendere completa l’affermazione della giustizia”, ha aggiunto Mattarella.

Era il 2 agosto 1980 quando una bomba esplose alla stazione di Bologna, provocando 85 morti e 200 feriti. Dopo una lunga serie di indagini e processi, sono stati condannati in via definitiva come responsabili dell’attentato i terroristi di estrema destra Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini [qui il racconto della strage].

“La disumana ferocia della strage alla stazione di Bologna è parte incancellabile della memoria del popolo italiano e della storia della Repubblica”, ha affermato il presidente Mattarella. “Il 39esimo anniversario dell’attentato terroristico ci richiama, anzitutto, a un rispettoso raccoglimento dinanzi alle vite crudelmente spezzate. Le democrazie si nutrono dei sentimenti più profondi di umanità”.

“È questa condivisione che ha consentito di unire le forze per sconfiggere la barbarie degli assassini, di fare prevalere il tessuto sociale che si voleva strappare, di cercare sempre e ostinatamente la verità, anche quando errori, colpevoli inerzie e ignobili complicità hanno ostacolato il percorso della giustizia”.

“Rinnovo il ringraziamento all’Associazione tra i familiari delle vittime della strage, che continua nel proprio impegno di tener viva la memoria e promuovere, al tempo stesso, quelle energie civili, che tanto hanno contribuito alla affermazione dei principi di giustizia, in un impegno comune tra le istituzioni della Repubblica, la comunità di Bologna, l’intera società italiana”, ha concluso Mattarella.

Strage della stazione di Bologna, l’ex Nar Ciavardini: “Noi vittime collaterali”
Ti potrebbe interessare
Politica / Castellina: “Quirinale? Spero in un bis di Mattarella. Tra le donne la mia scelta è Rosy Bindi”
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Ti potrebbe interessare
Politica / Castellina: “Quirinale? Spero in un bis di Mattarella. Tra le donne la mia scelta è Rosy Bindi”
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”