Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Stefano Parisi contro Bella Ciao, intonata durante la marcia per Liliana Segre: “Bisognava cantare l’inno Usa”

Immagine di copertina

L'ex candidato sindaco di Milano non ha gradito il fatto che, nel corso della manifestazione organizzata a Milano, sia stato intonato il popolare brano

Stefano Parisi contro Bella Ciao, intonata durante la marcia dei sindaci per Liliana Segre

Stefano Parisi contro Bella Ciao: l’ex candidato sindaco di Milano, infatti, a quanto pare non ha gradito che durante la marcia dei sindaci per Liliana Segre sia stato intonato il popolare brano.

Parisi, che ha partecipato alla manifestazione che si è svolta nel pomeriggio di mercoledì 11 dicembre a Milano, ha espresso la sua contrarietà sul suo profilo Twitter.

“Questa sera a Milano qualcuno ha cantato Bella Ciao. Dopo l’Inno di Mameli intonato a gran voce da tutti. Nulla contro Bella Ciao ma forse bisognava intonare l’inno USA. Sono gli americani che hanno liberato gli ebrei dai campi di concentramento” ha scritto Parisi.

stefano parisi bella ciao

E a chi gli ha fatto notare che allora bisognava intonare anche l’inno russo dal momento che l’Armata Rossa liberò la maggiora parte dei campi di concentramento, Parisi ha risposto: “Certo, anche i russi liberarono i campi. Potete cantare l’inno sovietico. Gli americani però liberarono i campi, hanno garantito la nostra libertà e ci liberarono dal Fascismo. Milioni di ebrei vivono liberi negli USA. La Russia comunista: milioni di morti e dissidenti nei gulag”.

stefano parisi bella ciao

Il messaggio di Parisi ha letteralmente scatenato i social, con il tweet che in breve tempo ha fatto il giro del web tra ilarità e stupore.

Leggi anche:
Milano, la marcia di 600 sindaci per Liliana Segre: “La sua scorta siamo noi”
Milano in marcia per Liliana Segre, Majorino a TPI: “I razzisti ci sono sempre stati, ora però c’è una politica che cavalca le loro paure “
Dalle manifestazioni delle sardine alla marcia per Liliana Segre fino ai Fridays for Future: l’Italia riscopre le piazze
Ti potrebbe interessare
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Ti potrebbe interessare
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”