Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Stefania Gasparini a TPI: “Dopo il voto sediamoci al tavolo con il M5S. Il Pd applichi il riformismo partigiano”

Immagine di copertina

“Le persone non hanno capito perché è caduto il governo e questo ha contribuito a far perdere la fiducia in generale nei partiti, nella politica, sul fatto che possa servire a migliorare il presente, aldilà dei risultati elettorali”, così Stefania Gasparini, vicesindaca del comune di Carpi e coordinatrice della segreteria regionale del Pd a Tpi sull’ultima settimana di campagna elettorale che separa il Paese dal voto. Un Paese alle prese con le bollette e il rincaro dei prezzi dell’energia, che secondo Gasparini “è uno dei motivi del forte astensionismo”.

Proprio a causa della mancata fiducia al governo Draghi il Pd ha rotto l’alleanza con il M5S, rivendica questa scelta? L’ha condivisa?

L’ho condivisa e la capisco, non si poteva fare diversamente, ma credo che dopo il voto ci vorrà un momento di riflessione in cui bisognerà capire come fare a ripartire tutti insieme, uniti contro la peggiore destra di sempre. Credo bisognerà fare di tutto per ritrovare un dialogo, le ragioni che ci avevano unito.

A Tpi Bonaccini ha ribadito la necessità di riprendere il dialogo con il M5S dopo il voto, è d’accordo quindi?
Sì, condivido assolutamente e sono contenta che anche chi tra i dirigenti nazionali non era convinto del dialogo con i 5 stelle ora possa impegnarsi nella ripresa del dialogo. Ma per riprenderlo vanno ricostruite delle basi. La rottura è stata molto grossa e profonda.
È dipesa solo dalla caduta di Draghi o esistevano già delle fratture tra Pd e M5S, dovute alle posizioni prese in politica estera o alla reticenza di quella parte dem diffidente verso Giuseppe Conte?

Credo che stare in un governo di coalizione ampia come quella dell’esecutivo Draghi abbia sicuramente portato i partiti a chiudersi in se stessi, cercando di ritrovare le proprie radici identitarie, e questo è accaduto in entrambi gli schieramenti. Ma la scelta di far cadere il governo Draghi in un periodo così complesso credo comunque che sia stata sbagliata. Ma siccome la politica si fa con una prospettiva di futuro, bisognerà sedersi a un tavolo e ripartire dai temi che per diverso tempo sembrava potessero unirci, ognuno con le proprie peculiarità.

Per esempio?

Dal tema del lavoro al contrasto alle disuguaglianze, dalla tutela dell’ambiente alal giustizia sociale. Credo questi possano essere punti da cui ripartire insieme. La credibilità di una classe dirigente sta nel cambiare strategia in base alle fasi politiche, e in questo caso vuol dire tentare di ricucire dopo il voto. Non capisco perché non si debba provare a ripetere anche a livello nazionale l’ampia composizione di alleanze presentate in diverse  amministrazioni locali,

Il M5S risale nei sondaggi: è una minaccia per il Pd?

Il periodo di campagna elettorale è, nella politica, una parentesi che evidenzia in maniera netta le proprie identità e culture politiche. Detto questo, non trovo scontato che il M5S tolga voti al Pd, questo si valuterà analizzando il voto del 25 settembre. A me non preoccupano loro ma gli indecisi che saremo riusciti a convincere da qui al 15. In politica bisogna stare molto attenti a dare per assodati i risultati, sia in senso positivo che in negativo, anche perché mai come oggi il consenso è volatile. Credo che il Pd stia facendo una buona campagna elettorale sui temi e su proposte e il risultato si vedrà.

Ma sarebbe stato più utile allearsi?
Credo che i tentativi per poter ricucire siano stati fatti, se non si è riusciti vuol dire che non c’era altra soluzione possibile.
Se il Pd non farà un buon risultato, la leadership dovrà cambiare?

Eviterei certi argomenti in piena campagna elettorale. A prescindere dal risultato che ci sarà credo sarebbe assurdo impiegare i prossimi mesi a discutere di leadership perché sarà un momento complicato per famiglie, imprese e per tutto il paese. Smettiamola di concentrarci sui singoli ma cominciamo a parlare di classe dirigente in modo collettivo senza individualismo che impediscono ragionamenti più approfonditi. Per le persone il mondo non finisce il 25 settembre, anche dopo il voto sarò meglio pensare al Paese, non al congresso.

L’ex ministra e dirigente dem Roberta Pinotti ha deciso di non ricandidarsi, ma come la vede all’interno del partito? Dovrebbe avere un ruolo di spicco nella leadership dem?

Ho molta stima per la sua stoffa e il suo coraggio, che ha mostrato anche con la scelta di non candidarsi. Questo ci dice che una persona come lei se avrà voglia potrà fare qualsiasi cosa in cui crede all’interno del Pd. Sicuramente è una risorsa del centrosinistra, che a prescindere del ruolo che ha avuto o che avrà si spenderà sempre per accompagnare la crescita di una classe dirigente nel partito.

Chi preferisci tra Lepore e Bonaccini?

Voglio un partito che parli di idee, non di nomi o di correnti. Io vorrei un partito che abbia il coraggio di quello che chiamo riformismo partigiano: un partito riformista. Ma siccome questa parola rischia di essere banalizzata, voglio chiarire che io lo intendo di parte. Dalla parte delle persone più deboli, per uno sviluppo più equo e sano, un riformismo che deve parteggiare per il contrasto alle disuguaglianze e per il lavoro buono. È quello di cui dobbiamo parlare in campagna elettorale e verso cui dobbiamo continuare a tendere a prescindere dai nomi in campo.

Pensa che con Zingaretti le cose sarebbero andate diversamente? Come ha preso le sue dimissioni?

Sono stata tra le persone che ha aperto piazza grande, ho sempre sostenuto con forza Nicola e tutt’ora condivido ciò che dice. Quando si è dimesso ho sofferto perché per un partito ripartire dopo le dimissioni di un segretario è sempre dura, vorrei che ci ricordassimo però le sue parole e il motivo per cui si è dimesso: non dimentichiamo di essere un partito e non un insieme di correnti.

Letta come ha portato avanti la campagna elettorale?

Credo stia facendo il massimo per portare avanti una campagna basata sui temi e sulle proposte concrete per le persone. Ha messo in campo una squadra ben assortita. Dove ha potuto ha messo in campo un’idea di rinnovamento delle candidature, ha chiesto a tutti di mettersi in gioco nella partita più complicata degli uninominali, ha fatto il massimo in una campagna elettorale tra le più strane e difficili di quelle conosciute fino ad oggi.

A proposito di candidature, De Magistris ha detto che il Pd non è più di sinistra anche perché se voti Beppe Civati ti ritrovi eletto Pierferdinando Casini, in una città come Bologna.

Faccio fatica a prendere lezioni, per come è caratterizzata la mia storia politica, da De Magistris, e non ho paura a dirlo. Credo che la forza del Pd sia invece proprio quella di essere il più plurale e aperto possibile all’interno di un campo che è quello di centrosinistra, dove ogni persona porta la propria storia e le sue caratteristiche. Ma De Magistris non ci può dare patenti e bollini su cosa sia di sinistra.

Perché in occasione di questa campagna elettorale, di fronte alla minaccia di una vittoria di Meloni, non è nato un movimento di piazza simile a quello nato in Emilia Romagna in vista della possibile vittoria di Salvini, le sardine?

Credo che le persone purtroppo siano stanche e disilluse, preoccupate del loro futuro. Le fasce più povere della popolazione, e lo dicono tutti i dati, rischiano di essere le più distanti dalla politica, per questo uno degli obiettivi del Pd e di tutto il centrosinistra deve essere quello di ripartire dai movimenti spontanei e cercare di far riavvicinare le giovani generazioni alla politica. Bisogna ridare passione e valore alla politica, e questo lo si fa non puntando un dito contro i più giovani, ma tendendogli la mano, cercando di dire che con la politica si può provare a cambiare il Paese e il futuro perché altrimenti, come diceva qualcuno prima di me, se non ti occupi tu della politica, la politica in qualche modo si occuperà di te.

Se ci sarà la possibilità di fare nuove alleanze di governo, il Pd dovrebbe allearsi nuovamente con Azione?

Credo che un governo di larghe intese come quello Draghi, cioè un mischione con tutti dentro, non debba essere la nostra ambizione, anche se una parte di classe dirigente di questo Paese ambisce a quello. Ma noi dobbiamo ambire ad andare al governo con chi si sente rappresentato in un area di centrosinistra. Con Calenda faccio lo stesso discorso fatto con il M5S: continuo a non capire perché non ci si possa sedere attorno a un tavolo e ritrovare le idee per cui ci diciamo tutti di centrosinistra. Una classe dirigente matura dovrebbe fare questo, all’interno del centrosinistra, non di un governo con dentro pezzi di centrodestra o Lega. Non è auspicabile.

Ma tra Calenda e M5S i 5 stelle sono più di sinistra?

Come non voglio che diano a me la patente di cosa è sinistra e cosa e no, anche io non do patenti. Credo che si possano trovare ragioni di tornare a sedersi attorno a un tavolo. Bisogna che tutti abbiano la maturità e la capacità di farlo, se vogliamo bene al Paese questo sforzo va fatto.

Cosa risponde a chi dice che la vittoria di Giorgia Meloni è comunque una buona notizia per le donne?

Date le ultime cose che ha detto lei e alcuni esponenti della destra sulle donne e quello che hanno dimostrato negli anni, creo che l’avvento di un governo di destra non sia auspicabile per una donna anche se la propria leader è donna. Bisogna fare le politiche per le donne, non pensare a un modello di Paese e di società come quello applicato in Regioni come le Marche, che cercano di rendere complicato per una donna esercitare un proprio diritto.

Penso al tema dell’aborto e in generale dei diritti civili, a un modello di stato sociale che non è favorevole alle donne, perché non le solleva dal carico di cura. Non dobbiamo comunque nasconderci dietro a un dito: all’interno del Pd si deve avviare una discussione sul tema delle donne in politica. Non basta una donna per dire che le donne siano arrivate, vale a destra come a sinistra. Credo si debba fare una discussione generale sul perché le donne faticano ad approcciarsi alla politica, e questo è un tema non solo in capo a noi donne, ma a tutti, maschi compresi.

Ti potrebbe interessare
Politica / La Russa a Fratoianni: “Sei un comunista italiano”. La replica: “Meglio che fascista, sempre”
Politica / Migranti sbarcati in Calabria, Salvini: “Serve qualcuno che difenda i confini, qualche idea ce l’abbiamo”
Politica / Governo: “Draghi non ha stretto alcun patto a garanzia Meloni in Ue”
Ti potrebbe interessare
Politica / La Russa a Fratoianni: “Sei un comunista italiano”. La replica: “Meglio che fascista, sempre”
Politica / Migranti sbarcati in Calabria, Salvini: “Serve qualcuno che difenda i confini, qualche idea ce l’abbiamo”
Politica / Governo: “Draghi non ha stretto alcun patto a garanzia Meloni in Ue”
Politica / Silvio Berlusconi potrebbe presiedere la prima seduta del Senato
Cronaca / Totoministri, scontro su Salvini: “Non lo vogliamo, è vicino a Putin”
Politica / Andrea Giambruno, il compagno di Giorgia Meloni: “Non sono di sinistra, farei vedere Peppa Pig a nostra figlia”
Politica / Incontro Meloni-Salvini: "Unità di intenti, serve senso responsabilità"
Politica / Nel paese natale di Conte M5S all’85%, il sindaco: “Conte mi ha scritto commosso”
Politica / Cirinnà (Pd): “Ha perso il partito, Letta mai sentito e mai lo risentirò”
Politica / Renzi: "Meloni ringrazi Letta, già mi chiedono di far cadere il governo"