Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Stefania Craxi a TPI: “Gli italiani hanno capito chi era mio padre, la sinistra invece è rimasta indietro di 30 anni”

Immagine di copertina

Intervista alla figlia dell'ex presidente del Consiglio Bettino Craxi del quale domenica 19 gennaio ricorre il ventennale della morte. "Vent'anni in cui la sinistra non è riuscita ancora a fare chiarezza sulla figura di mio padre, a differenza del Paese reale che gli ha ridato i meriti che gli spettavano. La presenza della Lega ad Hammamet è una contraddizione? Almeno loro hanno chiesto scusa"

“Gli italiani hanno capito chi era mio padre Bettino, la sinistra invece è rimasta indietro di 30 anni”: l’intervista di Stefania Craxi a TPI

Il 19 gennaio ricorre il ventennale della morte di Bettino Craxi: una personalità che ha diviso e divide tuttora l’Italia, tra chi lo considera vittima dell’accanimento giudiziario di Tangentopoli e chi lo ritiene un semplice latitante. Segretario del Partito Socialista e presidente del Consiglio dal 1983 al 1987, Craxi è stato uno degli uomini politici più rilevanti della Prima Repubblica. Un “gigante” come dichiarato da Stefania Craxi, figlia di Bettino nonché senatrice di Forza Italia, intervistata da TPI.

Domenica 19 gennaio ricorre il ventennale della scomparsa di Bettino Craxi. Come ogni anno, anche quest’anno avranno luogo molte iniziative per commemorare suo padre ad Hammamet, in Tunisia. Cos’è cambiato da vent’anni a questa parte?

Come sempre, la Fondazione Craxi organizza le commemorazioni di Bettino Braxi ad Hammamet. Quando ho iniziato l’avventura con la fondazione è stato molto complicato perché ero sola, eccetto qualche compagno. Quest’anno, invece, dall’Italia verranno oltre 600 persone e credo che al cimitero domenica saremo quasi 1000 persone. Ci hanno descritto per anni come reduci: per essere reduci direi che siamo in tanti.

Saranno presenti diversi parlamentari, tra cui anche due esponenti del Partito Democratico, che però parteciperanno a “titolo personale”. Cosa pensa dell’assenza del Pd alle commemorazioni?

Il Partito Democratico ha smentito la partecipazione dei parlamentari alle commemorazioni attraverso le dichiarazioni di Nicola Zingaretti e Andrea Orlando. Sono in ritardo di 30 anni e sono in ritardo anche nei confronti del Paese reale perché io penso che oggi la maggior parte degli italiani è disposta a ridare a Craxi i meriti di Craxi. Lo si evince anche dal gran successo del film di Gianni Amelio.

Ad Hammamet saranno presenti anche alcuni esponenti della Lega, un partito che durante gli anni di Tangentopoli si è contraddistinto per le parole dure nei confronti degli inquisiti di Mani Pulite, inclusi i socialisti. Non le pare una contraddizione?

La differenza è che la Lega ha saputo dire “abbiamo sbagliato”. Certamente la Lega all’epoca strillava nelle piazze, agitava qualche cappio. Ma intanto le responsabilità non sono pari perché la Lega non governava le procure, non aveva il peso politico sufficiente per condurre la battaglia della demonizzazione di Craxi, che parte da lontano ed è sempre stata condotta dalla sinistra. Diversi esponenti della Lega hanno pronunciato due magiche paroline: “Abbiamo sbagliato”.

Io a sinistra queste magiche paroline non le ho ancora sentite. Anzi, si cerca ipocritamente di dire “Craxi è stato un grande statista, però Mani Pulite…”. Se Craxi è stato un grande statista vuol dire che ha sempre lavorato con passione e lealtà per il suo Paese e quindi quell’inchiesta è stata un’inchiesta politica. Su questo c’è da fare un po’ di chiarezza.

Di recente, però, il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha detto che è arrivato il momento di ricomporre la frattura tra la sinistra e il mondo socialista e proposto un serio dibattito sulla figura di Bettino Craxi. Non le pare un’apertura?

Il sindaco Sala è il campione degli ipocriti. Continua a dire bisogna discutere, bisogna dibattere. Non è mai venuto a una discussione organizzata dalla Fondazione Craxi. Dopo 20 anni di cosa bisognerebbe discutere? Chi dovrebbe discutere? In quale sede bisognerebbe dare un giudizio di Craxi? Io credo che dopo 20 anni la sinistra deve fare finalmente i conti con i propri errori, capire dove ha sbagliato.

La sensazione è che la figura di Craxi sia stata comunque riabilitata negli ultimi tempi, soprattuto dalle persone comuni.

Il Paese reale è molto più avanti della politica. Le persone semplici fanno i conti con la vita di tutti i giorni. La differenza tra l’Italia di ieri e quella di oggi la fanno tutti i giorni con la loro vita. Con le promesse mancate che hanno avuto, con questo declino dell’Italia che sembra inarrestabile.

Con il governo Craxi l’Italia era la quinta potenza economica al mondo, l’inflazione era al 4 per cento, il Paese cresceva e c’era speranza per il futuro. Adesso è l’esatto contrario. L’Italia soffre un declino politico, istituzionale, economico, morale. La gente non è stupida.

Il Paese reale, però, era anche all’Hotel Raphael quando suo padre è stato aggredito con un lancio di monetine al grido di “Bettino vuoi pure queste”…

La stampa ha amplificato quell’episodio. Erano quattro squadristi. Lo slargo dove si trova l’hotel Raphael è una piazzetta. Si è trattata di un’aggressione mediatica montata ad arte.

Secondo lei c’è una figura politica che si può considerare suo erede?

Craxi giganteggiava nella Prima Repubblica, si figuri nella Seconda o nella Terza.

Immagino abbia visto il film di Gianni Amelio, Hammamet. Cosa ne pensa? C’è qualcosa che non le è piaciuto o qualcosa che ha particolarmente gradito?

Gianni Amelio è un grande autore cinematografico. Ha scelto una chiave intimista per raccontare una grande tragedia. Io credo che quel senso di tragedia che è stato l’esilio di Craxi ha saputo riportarlo.

Dopodiché se l’avessi fatto io ci sarebbe stata più politica. Ma non si può chiedere a un film che faccia quello che la politica non riesce a fare da vent’anni, ovvero fare i conti con Craxi.

Che ricordi ha del periodo in cui suo padre è stato coinvolto in Mani Pulite?

È stato un periodo difficile della nostra vita. Avevamo difficoltà a lavorare, la gente non rispondeva al telefono. Un periodo per la mia famiglia durissimo. Fortunatamente i miei figli erano piccoli, ma ricordo che a mio figlio a scuola dicevano “tuo nonno l’arresta Di Pietro”. Per noi è stato molto difficile e molto pesante. Soprattutto ci pesava l’ingiustizia che stava subendo mio padre.

Che papà è stato Bettino Craxi?

È stata una personalità per cui nella politica era totalizzante. La politica faceva parte della nostra famiglia e qualche intervento personale suo rischiava di essere un po’ goffo non avendo molto dimestichezza con il nostro quotidiano. Per il resto è stato un padre grandissimo.

Leggi anche:

“Oggi contiamo meno di un tempo”: Stefania Craxi parla della politica estera italiana ai tempi del padre

Ti potrebbe interessare
Politica / Il deputato di Italia Viva Francesco Scoma passa alla Lega: l’annuncio di Salvini
Politica / Fedez attacca Conte: “I comizi gremiti uno schiaffo al mondo dello spettacolo”. L’ex premier: “Hai ragione”
Politica / Salvini al bivio: se la Lega va male alle comunali rischia grosso. Zaia e Fedriga in pole per la successione
Ti potrebbe interessare
Politica / Il deputato di Italia Viva Francesco Scoma passa alla Lega: l’annuncio di Salvini
Politica / Fedez attacca Conte: “I comizi gremiti uno schiaffo al mondo dello spettacolo”. L’ex premier: “Hai ragione”
Politica / Salvini al bivio: se la Lega va male alle comunali rischia grosso. Zaia e Fedriga in pole per la successione
Politica / Il Green pass divide la Lega: il 40% dei leghisti non vota la fiducia al decreto alla Camera
Politica / Elezioni amministrative del 3-4 ottobre 2021: candidati, orari, legge elettorale
Politica / Il messaggio in codice di Prodi a Mattarella: “Un incarico settennale a 82 anni è un’incoscienza”
Politica / Lega, la crisi interna arriva su Whatsapp: “Decide tutto Draghi, meglio la scissione”
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”