Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

La macchina social di Matteo Salvini svelata da un’inchiesta di Report: “Fake news per acchiappare consensi e account falsi”

Immagine di copertina

La macchina social di Matteo Salvini e le fake news per acchiappare consensi

Una nuova inchiesta del programma televisivo Report, andata in onda ieri 28 ottobre mostra la complessa macchina della propaganda social di Matteo Salvini: presunte pagine social fatte ad arte per ingannare il lettore e attrarlo nella rete dei “likes forzati”.

Le pagine inizialmente affini per preferenze e gusti dell’utente, una volta ottenuto il like si trasformano in piattaforme politiche che condividono fake news per ottenere clic e consensi.

Secondo la ricostruzione del giornalista Giorgio Mottola esisterebbero numerosi profili “falsi” di presunti seguaci di Salvini , che sono stati tutti creati nello stesso periodo e hanno la caratteristica comune di avere meno di 10 follower.

Anche la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni sembra che stia approfittando di questo meccanismo. Dopo la messa in onda del programma ha smentito categoricamente quanto accaduto con un messaggio su Twitter e non sembra aver troppo gradito l’inchiesta giornalistica che la vede coinvolta:

“#Report mi dedica un bambinesco servizio degno di un circolo terrapiattista: GOMBLOTTO sovranista, hacker cosacchi, bot e robot. Zero fatti, solo fango. Raccolgo i dati e faccio una conferenza per deridere questi “giornalisti di inchiesta, ci sarà da ridere», ha twittato.

Stranamente infatti Meloni ha in comune moltissimi utenti con la cantante Francesca Michielin, che però nega di aver venduto o acquistato followers dalla politica.

Molte pagine creatrici di fake news sarebbero inoltre scomparse poco prima delle elezioni europee del 2019, forse perché era troppo rischioso in quella fase correre il rischio di uno scandalo.

Fondi russi a Salvini, l’oligarca russo a Report: “Abbiamo scelto la Lega perché ha un livello socio culturale molto basso”

Ti potrebbe interessare
Politica / Lettera a TPI: “Due mandati, il farmaco contro la schizofrenia di destra e sinistra”
Politica / Draghi “l’americano” alla Casa Bianca dopo l’estate: per Biden è l’interlocutore n°1 in Europa
Politica / Letta: "I calciatori dell'Italia inginocchiati? Dovevano farlo tutti"
Ti potrebbe interessare
Politica / Lettera a TPI: “Due mandati, il farmaco contro la schizofrenia di destra e sinistra”
Politica / Draghi “l’americano” alla Casa Bianca dopo l’estate: per Biden è l’interlocutore n°1 in Europa
Politica / Letta: "I calciatori dell'Italia inginocchiati? Dovevano farlo tutti"
Politica / Il sorprendente sondaggio su Roma: Raggi davanti a Gualtieri e Michetti in testa
Politica / Sondaggio Roma, Noto a TPI: “Ecco perché una vittoria di Michetti al ballottaggio non è scontata”
Politica / Draghi: "Finale a Roma? Non si giochi in Paesi dove il contagio sta risalendo"
Politica / Commissione Ue promuove l'Italia (ma non a pieni voti)
Politica / Migranti, incontro Draghi-Merkel: "Sì al rinnovo dell'accordo con la Turchia"
Politica / Mattarella ammonisce Draghi sui licenziamenti: con lo sblocco si rischia la “bomba sociale”
Politica / A Roma vince Gualtieri. Lepore sconfigge Conti di Italia Viva a Bologna