Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Bertolaso: “Come sindaco di Roma sarei un incubo per i cittadini” | VIDEO

Immagine di copertina

Sindaco Roma, Bertolaso: “Sarei un incubo per i cittadini” | VIDEO

“Come sindaco di Roma sarei un incubo per i cittadini”: così Guido Bertolaso commenta la possibilità di candidarsi alle elezioni comunali della Capitale nelle fila del centrodestra.

Intervenuto a L’aria che tira, in onda nella mattinata di giovedì 29 aprile su La7, Bertolaso ha ribadito di non avere nessuna intenzione di candidarsi come sindaco di Roma alle comunali, che si terranno nell’autunno 2021.

“Fare il sindaco di Roma significa ogni giorno giocare una finale di Champions League correndo il rischio di perderla, e per me sarebbe inaccettabile” è stato il ragionamento di Bertolaso.

“Per i romani sarei un sindaco da incubo, vi dovete mettere in testa questo. Io non sono una persona facile, non sono una persona propensa alla mediazione e al compromesso” ha dichiarato l’ex capo della Protezione Civile.

Secondo Bertolaso, che attualmente svolge il ruolo di coordinatore della campagna vaccinale in Lombardia, Roma avrebbe bisogno di una “rivoluzione”.

“Centro storico chiuso ad auto normali e ad auto blu, termovalorizzatori per bruciare i rifiuti, idrogeno verde per i mezzi pubblici, autovelox lungo l’Olimpica, Cristoforo Colombo, l’Ostiense, ganasce per chi parcheggia in seconda fila”: sono alcuni degli interventi che secondo Bertolaso andrebbero messi in pratica, ma che evidentemente lo stesso esperto ritiene di difficile attuazione.

Secondo Bertolaso, infatti, un programma su Roma è “irrealizzabile” e lo “metterebbe contro tutto e contro tutti, meglio che mi dedico alla nipotina”.

Sulle parole di Carlo Calenda, il quale ha dichiarato in un’intervista che Bertolaso come sindaco di Roma farebbe “la fine di Marino”, Bertolaso risponde: “Forse lo dice perché non vuole avermi come concorrente. Io e Marino, che stimo moltissimo come medico, siamo due persone agli antipodi, se mi metto in testa una cosa la faccio, la mia storia lo dimostra”.

Leggi anche: 1. Vaccini Lombardia, Bertolaso incalzato dalle domande della giornalista di Sky lascia la diretta | VIDEO

Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni: “Nessun presupposto per le dimissioni di Donzelli e Delmastro. Abbassiamo i toni”
Politica / Ilaria Cucchi va a trovare Alfredo Cospito: “Dopo mio fratello nessun altro deve morire di carcere”
Politica / Paola De Micheli a TPI: “Alla sinistra serve un nuovo umanesimo”
Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni: “Nessun presupposto per le dimissioni di Donzelli e Delmastro. Abbassiamo i toni”
Politica / Ilaria Cucchi va a trovare Alfredo Cospito: “Dopo mio fratello nessun altro deve morire di carcere”
Politica / Paola De Micheli a TPI: “Alla sinistra serve un nuovo umanesimo”
Politica / Lettera aperta a Beppe Grillo da un’elettrice delusa: “L’ennesimo partito imborghesito non ci interessa”
Politica / Una poltrona per due: la strana coppia del Tesoro
Politica / “La riforma Cartabia non ha migliorato la Giustizia”
Politica / Cuperlo a TPI: “Caro Pd, non nascondiamo la polvere sotto al tappeto”
Politica / Elly Schlein a TPI: “Vinco io il Congresso del Pd, lo dicono i numeri”
Politica / Elly Schlein a TPI: “Dopo la politica mi darò al cinema, sogno di fare la regista”
Politica / Modello Bonaccini: ritratto di un uomo-immagine (di L. Telese)