Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Riace, il sindaco leghista non poteva essere eletto. Ecco perché

Immagine di copertina

Sindaco Riace Lega non eleggibile | Antonio Trifoli | Mimmo Lucano | Testo Unito Enti Locali | Ineleggibilità

Sindaco Riace Lega non eleggibile | Antonio Trifoli, neo sindaco di Riace, che ha battuto la lista di Mimmo Lucano, non poteva essere eletto sindaco.

“Trifoli era un ispettore della sicurezza del Comune, con contratto a tempo determinato. Un vigile urbano, insomma, e come tale – dice il Tuel, la bibbia della pubblica amministrazione – ineleggibile”, scrive Alessia Candito su Repubblica.

L’articolo 60 del Testo Unico sugli Enti Locali (Tuel) individua una serie di figure che non sono eleggibili.

All’articolo 60, comma 1, si dice espressamente che “il Capo della Polizia, i vice capi della polizia, gli ispettori generali di pubblica sicurezza che prestano servizio presso il Ministero dell’interno, i dipendenti civili dello Stato che svolgano le funzioni di direttore generale o equiparate o superiori ed i capi di gabinetto dei ministri” non sono non sono eleggibili alla carica di sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, consigliere metropolitano, provinciale e circoscrizionale

Per aggirare il divieto, il 26 aprile Trifoli aveva chiesto di andare in aspettativa non retribuita per motivi elettorali, per un mese. L’amministrazione comunale aveva dato parere favorevole, ma non avrebbe potuto farlo, dice Repubblica.

Ai dipendenti comunali è consentito candidarsi se l’Ente concede un periodo di aspettativa non retribuita, ma solo nel caso in cui il dipendente ha un contratto a tempo indeterminato. L’articolo 60, comma 3 del Tuel, recita infatti: “Le cause di ineleggibilità […] non hanno effetto se l’interessato cessa dalle funzioni per dimissioni, trasferimento, revoca dell’incarico o del comando, collocamento in aspettativa non retribuita non oltre il giorno fissato per la presentazione delle candidature.

Ma Trifoli è un dipendente a tempo determinato. L’articolo 1, comma 8, prevede espressamente che “non possono essere collocati in aspettativa i dipendenti assunti a tempo determinato”.

Per poter essere eletto, Trifoli avrebbe dovuto semplicemente dimettersi. Ma così non è stato, e ora il neo sindaco leghista rischia grosso.

Trifoli, candidato della lista civica Riace Rinasce, vicina alla Lega, era stato eletto con 462 voti, il 41,89 per cento, battendo la lista di Mimmo Lucano.

Ti potrebbe interessare
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Ti potrebbe interessare
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”
Politica / Draghi convoca il Cdm d’urgenza e lancia l’ultimatum ai partiti: o votate le riforme o niente Pnrr