Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Senato, bocciata la mozione M5s contro la Tav, approvate quelle a favore presentate da Pd, FI, FdI e +Europa

Immagine di copertina

Senato, bocciata la mozione M5s contro la Tav, approvate quelle a favore presentate da Pd, FI, Fdi e +Europa

Bocciata la mozione M5s in Senato, dove oggi 7 agosto, sono state votate le sei mozioni sulla Tav. Bocciata quella del M5s contro l’Alta velocità Torino-Lione. Sono state approvate invece quelle pro Tav di Pd, Forza Italia, Fratelli d’Italia e +Europa. (Qui tutto ciò che c’è da sapere sul voto di oggi, 7 agosto 2019, in Senato)

La mozione del partito democratico ha ottenuto 180 voti, quella FI 182, Fdi 181 e + Europa 181.

Tav, bocciata mozione del M5s: cosa succede ora al governo?

Il voto di oggi in Senato che ha visto bocciata la mozione M5s Tav ha avuto un significato ben più importante di quello sulla sola Tav: ha rappresentato infatti una spaccatura senza precedenti all’interno del governo giallo-verde. Lega e M5s hanno votato in maniera opposta alle mozioni, e ciò aumenta il solco enorme tra i due alleati di governo.

Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega in Senato sostiene che il voto del M5s apra una questione politica non indifferente. “Se fate parte del governo dovete essere a favore della Tav. Se votate no ci saranno conseguenze”, ha detto.

“Potremmo condividere la questione identitaria ma se fate parte del governo e il presidente del Consiglio ha detto sì dovete essere a favore della Tav, non ci sono alternative”, continua Romeo. “Su un tema così importante avere due partiti di maggioranza, uno che vota in un modo e l’altro in un altro, pone sul tavolo una questione politica chiara e evidente: chi vota no alla Tav si prenderà la responsabilità politica delle scelte che seguiranno nei prossimi giorni e mesi”.

Il M5s replica a questa decisione, e lo scontro tra i due alleati di governo si fa sempre più aperto: “Abbiamo portato il Tav in Parlamento e sono venuti allo scoperto! Ma la cosa più ridicola è che la Lega li sostiene dopo che il Pd ha presentato una mozione di sfiducia su Salvini. L’inciucio è servito! Aprite gli occhi!”: lo scrive su Facebook il Movimento 5 stelle, commentando l’annuncio del capogruppo leghista Massimiliano Romeo del sì a favore di tutte le mozioni pro-Tav.

Si può fermare la Tav? Cosa dicono le analisi costi benefici

Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato