Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Si può davvero fermare la Tav? Cosa dicono le analisi costi benefici

Immagine di copertina

Si può fermare la Tav?

Si può fermare la Tav? Sì, ovviamente, si può. Ma le analisi costi-benefici mettono in evidenza un dato preciso: il problema è valutare quanto costerebbe all’Italia lo stop ai lavori della Tav.

“Non realizzarlo costerebbe molto più che completarlo”, ha detto il premier Giuseppe Conte, quando ha dato il suo benestare alla prosecuzione dei lavori del tunnel ferroviario Torino-Lione.

E non è meramente una questioni di avanzamento dei lavori – solo poco più del 18 per cento è già stato realizzato – ma esclusivamente di conti economici.

Innanzitutto, nel caso di uno stop, bisognerà rimborsare alla Francia, che è già molto più avanti con i lavori di costruzione, e all’Unione Europea i fondi già investiti, tutti o in parte. Poi bisognerà pagare le società che hanno vinto gli appalti e che hanno già considerato quei fondi nei loro bilanci.

Secondo Paolo Foietta, presidente dell’Osservatorio Tav, un organo che fornisce consulenza sull’opera, la somma di queste cifre si aggira tra i 2 e i 4 miliardi di euro.

Mentre, quanto costerebbe finire il progetto della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione, per il trasporto di merci e passeggeri? Le stime parlano di circa 3 miliardi di euro per concludere l’opera. Ma l’apertura è prevista per il 2030, i lavori quindi dureranno ancora più di un decennio: non è escluso, perciò che questo costo possa lievitare.

Tav analisi costi-benefici

L’analisi costi-benefici sulla Tav pubblicata il 12 febbraio 2019 dalla commissione del Ministero presieduta dal professore Marco Ponti illustra che, a fronte dei costi per lo Stato, la ferrovia non ha nel complesso un vantaggio competitivo favorevole rispetto alla strada.

Quanto al cosiddetto costo-opportunità, la domanda è: quanto costerebbe all’Italia rinunciare a un progetto che faciliterebbe gli scambi commerciali e ridurrebbe il trasporto delle merci su gomma?

Questo è un punto su cui ci sono opinioni molto discordanti. Opinioni che hanno molto a che fare con le pressioni dei grandi imprenditori sulle parti politiche.

Ti potrebbe interessare
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Ti potrebbe interessare
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Politica / Le carte sull’inchiesta Open: il meglio tra chat, email e appunti dei renziani
Politica / A cena con Matteo? “Costa 20mila euro”
Politica / Chi paga Renzi? Bonifici per 2,6 milioni di euro da Arabia Saudita, Benetton e società di investimenti