Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Retroscena TPI: se Gualtieri diventa sindaco di Roma, Conte punta al suo seggio in parlamento

Immagine di copertina

Simul stabunt vel simul cadent: insieme staranno oppure insieme cadranno. La locuzione latina si attaglia perfettamente ai destini personali e politici di Enrico Letta e Giuseppe Conte. La cronaca degli ultimi giorni è piena di “amorevoli scambi” tra i due leader: dalla gentile mediazione del Pd sulla prescrizione al ribadito sostegno dell’avvocato del popolo al ddl Zan. La madre di tutte le battaglie sarà, però, Roma.

“Conte è perfettamente consapevole che la sindaca Raggi uscirà di scena dopo il primo turno”, spiegano dal Movimento 5 Stelle. L’importante è che lo faccia con un bel bottino di voti, diciamo intorno al 20%. A quel punto l’incontro con il Pd e con Gualtieri dovrà avvenire senza remore e il M5S dovrà schierare tutte le proprie risorse a sostegno dell’ex ministro dell’Economia.

L’eventuale elezione di Gualtieri in Campidoglio, infatti, lascerebbe libero il suo collegio di Roma 1, un collegio che il neo-leader grillino guarda con crescente interesse (anche perché è uno dei pochi collegi veramente blindati che può vantare il Pd, sempre più “partito della Ztl”).

Secondo i piani che Enrico Letta caldeggia, lui (pisano candidato in quel di Siena) e Conte si ritroverebbero così a Montecitorio, finalmente insieme, per giocarsi la partita del Colle, con un comune obiettivo: asfaltare il Matteo di Rignano, contro il quale entrambi hanno un conto (e che conto…!) da saldare.

A quel punto, l’alleanza tra Pd e Cinque Stelle, in vista delle successive elezioni politiche, sarebbe a prova di bomba, alla faccia dei tanti malmostosi che ancora si annidano nei due partiti. L’altro grande obiettivo, oltre a regolare una volta per tutte i conti con Renzi, è quello di giocare insieme la partita del Colle e di far andare avanti Mario Draghi fino al 2023 per sperare nel frattempo di logorare il centrodestra facendo uscire allo scoperto il Salvini più populista e anti-europeista (da qui i molteplici attacchi al Capitano leghista che, però, almeno finora hanno avuto scarso successo).

TUTTE LE NOTIZIE SULLE ELEZIONI COMUNALI DI ROMA 2021

Ti potrebbe interessare
Politica / Gualtieri al TPI Fest: “Zingaretti mi chiese di candidarmi a Sindaco già lo scorso autunno”
Politica / Salvini dal Papeete: “Conte odia Draghi e Letta gli fa da palo”
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest!: "5s in giunta? Mai! A Roma la Raggi non è stata all'altezza"
Ti potrebbe interessare
Politica / Gualtieri al TPI Fest: “Zingaretti mi chiese di candidarmi a Sindaco già lo scorso autunno”
Politica / Salvini dal Papeete: “Conte odia Draghi e Letta gli fa da palo”
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest!: "5s in giunta? Mai! A Roma la Raggi non è stata all'altezza"
Politica / Roberto Gualtieri al TPI Fest: “Con Franco il ministero dell’Economia in buone mani”
Politica / Conte e Di Maio negano, ma ieri hanno litigato sulla giustizia: "Dove vuoi arrivare Giuseppe?"
Politica / La tragicomica fuga del deputato di Fratelli d'Italia durante la bagarre alla Camera | VIDEO
Politica / Giustizia, tra i reati esclusi dall’improcedibilità manca il disastro ambientale. Europa Verde: “Rischio impunità”
Politica / Sulla giustizia Conte e i 5 Stelle si piegano a Draghi e dagli Usa applaudono Super Mario
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Politica / “Fascisti, vergognatevi”: Fratelli d’Italia occupa l’Aula contro il Green Pass, bagarre alla Camera