Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Calenda è l’uomo del non fare”: scontro social fra Giarrusso (M5S) e l’ex ministro

Immagine di copertina

Botta e risposta a distanza tra l’eurodeputato del M5S Dino Giarrusso e il leader di “Azione” Carlo Calenda. Oggetto del contendere? La candidatura di quest’ultimo a sindaco di Roma.

“Carlo Calenda è uno dei più affascinanti casi di politico costruito dal nulla, segnalatosi per la boria con la quale si atteggia, sui social e sui media che tanto accomodanti sono con lui quanto avversi con il M5S. In questo clima di totale distacco fra la realtà e il racconto che ne fanno i media, Calenda si propone come candidato sindaco per Roma, ed è subito un coro di urletti d’entusiasmo fra i nostri giornalisti mainstream che lo esaltano fra un aperitivo e una comparsata televisiva”, scrive il grillino.

“Come in un classico della comicità, Calenda viene dipinto come “uomo del fare” […] ma Calenda è diventato un europarlamentare che brilla per assenteismo!”, accusa Giarrusso, che prosegue: “Nei suoi innumerevoli Tweet invita chiunque ad andare a lavorare, tranne sé stesso naturalmente: l’uomo del non-fare è uno tra gli eurodeputati più assente (chi lo batte? Avete indovinato: Berlusconi!!) e ora, dall’alto della sua inconcludenti, vorrebbe diventare sindaco della Capitale. No, grazie, con queste mezze figure abbiamo già dato”.

La risposta del leader di “Azione” arriva tramite post su Twitter nel quale Calenda non risparmia sferzate al veleno: “A parte il fatto che ho circa il 90% di presenza ai voti..è stata approvato oggi in Commissione Itre il rapporto di politica industriale della UE di cui sono titolare. Tu esattamente, oltre la diaria, cosa hai portato a casa? Attendo fiducioso”.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)
Opinioni / Quel Movimento, per come lo abbiamo conosciuto, non esiste più (di M. Contigiani)
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)
Opinioni / Quel Movimento, per come lo abbiamo conosciuto, non esiste più (di M. Contigiani)
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Politica / Il centrodestra punta a una vittoria netta alle elezioni per prendersi anche il Quirinale
Politica / Zaia: "L’omosessualità non è una malattia, l’omofobia sì. Basta tabù sui diritti"
Politica / Elezioni, Adinolfi a Tpi: “Letta e Meloni sono come Sandra e Raimondo, litigano ma sono uguali”
Politica / L’aspirante candidata leghista alle politiche: “Le donne di sinistra? Scorbutiche, aggressive e acide”
Politica / Liliana Segre a Giorgia Meloni: “Tolga la fiamma dal simbolo del suo partito”
Politica / Di Maio: “Gli steward dello stadio San Paolo sono i miei eroi”
Politica / Elezioni, al via la presentazione dei simboli di partito in Viminale: ecco i contrassegni depositati finora