Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Mozioni di sfiducia: quella a Salvini può essere discussa prima di quella a Conte

Immagine di copertina
Matteo Salvini

Si aprirebbe uno scenario paradossale, con il leghista defenestrato e un governo ancora in carica

La prossima settimana sarà già decisiva per le sorti dell’ormai quasi defunto governo M5s-Lega, ma anche per quelle di Salvini. Lunedì 12 agosto, alle ore 16, si riunirà la conferenza dei capigruppo al Senato.

All’ordine del giorno ci sarà la calendarizzazione della mozione di sfiducia presentata dalla Lega nei confronti del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dopo il durissimo scontro a distanza tra quest’ultimo e Salvini sulle ragioni che stanno portando alla caduta dell’esecutivo.

C’è però qualcosa che potrebbe intralciare, e non poco, i piani del ministro dell’Interno. Il Partito Democratico, infatti, ha presentato a sua volta una mozione di sfiducia. Il destinatario è proprio lui, Matteo Salvini.

La mozione sembrava una mossa velleitaria di un’opposizione a corto di idee, ma con l’annuncio di Salvini di voler far cadere il governo tutto cambia.

Il problema principale per il leader della Lega è questo: le mozioni di sfiducia, in teoria, vanno discusse seguendo l’ordine temporale in cui sono state presentate. Quella del PD nei confronti di Salvini è stata presentata prima di quella della Lega nei confronti di Conte.

Ma se fino a qualche giorno fa la sfiducia a Salvini sarebbe stata votata solo dal PD, ora anche i Cinque Stelle sono pronti a sfiduciare il ministro dell’Interno.

Si arriverebbe quindi a uno scenario paradossale: Salvini, che ha spinto per l’accelerazione della crisi di governo e che vuole andare a elezioni già ad ottobre, potrebbe essere il primo ad essere sfiduciato dal parlamento.

Nulla vieterebbe di discutere successivamente la mozione di sfiducia a Conte, ma ciò avverrebbe con un ministro dell’Interno già defenestrato dal parlamento.

Il governo, quindi, almeno per qualche giorno, rimarrebbe in carica senza Salvini. Questo potrebbe portare il M5s alla tentazione di formare una maggioranza alternativa col PD?

Lo scenario, evocato proprio da Salvini, sembra poco probabile. Il PD ha ribadito a più riprese infatti che vuole andare al voto subito.

Resta comunque il paradosso e la possibile beffa per Salvini. L’uomo che ha provocato la crisi e che vorrebbe far cadere Conte (e con lui il governo) potrebbe essere il primo a saltare.

Crisi di governo, il piano di Mattarella: governo elettorale e voto a ottobre
Il taglio dei parlamentari voluto dal M5s può ritardare le elezioni di 6 mesi
Crisi di governo: cosa succede ora? Tutti i prossimi passaggi, dallo scioglimento delle camere alle possibili date delle elezioni
Elezioni anticipate: ecco le tre date possibili per tornare alle urne
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Politica / Draghi: “Il governo non rischia e non esiste senza il M5S. Questa è l’ultima legislatura da premier”
Politica / Governo, Di Maio: “Quello visto in questi giorni è uno spettacolo indecoroso”
Politica / Adinolfi a TPI: “L’aborto è come il divorzio, quando non c’era l’Italia era più bella e sana”
Politica / Salvini attacca Pd e M5s: “Non possiamo accettare forzature su ius scholae e cannabis”