Covid ultime 24h
casi +19.886
deceduti +308
tamponi +353.704
terapie intensive +11

Salvini sulla lista dei ministri: “Speranza e Lamorgese devono cambiare marcia”

Di Redazione TPI
Pubblicato il 13 Feb. 2021 alle 08:32 Aggiornato il 13 Feb. 2021 alle 08:33
1.6k
Immagine di copertina
Matteo Salvini, leader della Lega. Credit: ANSA

Il Governo Draghi è appena nato, con il nuovo presidente del Consiglio che ieri sera ha sciolto la riserva e ha comunicato la lista dei ministri. Ma il clima di concordia che regnava sovrano durante le consultazioni sembra ora già incrinarsi. La lista dei ministri non è infatti piaciuta a tutti, e anche tra i leader politici che sostengono Draghi c’è chi ha avuto qualcosa da ridire.

Il leader della Lega Matteo Salvini, ad esempio, ieri sera è intervenuto nel corso del Tg La7 di Enrico Mentana, esprimendo un giudizio non esattamente entusiasta sulla riconferma dei ministri Roberto Speranza e Luciana Lamorgese rispettivamente alla Salute e agli Interni: “Speranza alla salute, Lamorgese agli Interni: o cambiano marcia, cambiano modulo cambiano approccio cambiano sprint oppure se vanno avanti come sono andati avanti nell’ ultimo anno e mezzo avranno bisogno di aiuto e sostegno, mettiamola così”, ha detto Salvini.

In particolare la figura di Luciana Lamorgese è chiaramente significativa per Salvini, in quanto si tratta della persona che ha preso il suo posto come ministro degli Interni. Salvini ha poi aggiunto: “Noi domani cominciamo a lavorare perché il Paese ha fame di salute lavoro e riapertura il ritorno alla vita. In questo momento Italia chiama, e da italiano devo dare una mano per risolvere i problemi, anche di fianco a persone con cui non vado d’ accordo su tanti altri fronti. Se c’è questa necessità io non me la sento di tirarmi indietro ci metto la faccia”.

Leggi anche: 1. Da Dell’Utri a Bontate: il curriculum di Berlusconi ci impone di dire No al nuovo governo (di A. Di Battista) /2. Torna a casa Lassie, torna a casa Renzi: ecco su cosa si combatterà la sfida del prossimo anno nel Pd / 3. Nadia Urbinati a TPI: “La reputazione di Draghi è un passaporto, ma in Parlamento non basterà” /4. La mossa di Grillo: sì a Draghi in cambio del ministero ecologico (e con Conte leader 5s)

1.6k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.