Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Ruspe ai rom, forni per i migranti: la nuova sottosegretaria alla Difesa è la leghista Stefania Pucciarelli

Immagine di copertina

La nuova sottosegretaria alla Difesa è la leghista Stefania Pucciarelli

Le nomine dei 39 sottosegretari del governo Draghi fanno discutere: tra queste, quella di Stefania Pucciarelli, la senatrice leghista celebre per il suo “mi piace” alla proposta di un “forno per i migranti”, che adesso andrà a ricoprire l’incarico di vice-ministra della Difesa insieme al forzista Giorgio Mulè.

A novembre 2018, durante il primo governo Conte, Pucciarelli è stata eletta presidente della Commissione per la tutela dei Diritti Umani in Senato, carica ricoperta in precedenza dal senatore del Pd e docente universitario Luigi Manconi. Già allora la nomina attirò diverse critiche per le posizioni omofobe e xenofe della senatrice, che si era distinta in passata per le uscite spesso violente verso migranti, nomadi o coppie gay.

Pucciarelli sui social attaccava “le zecche dei centri sociali” e chiamava “zingari” i rom. Prima di guidare la Commissione per la tutela dei diritti umani aveva pubblicato la foto di una ruspa che distruggeva un campo nomadi a Castelnuovo Magra, in Liguria, accompagnata dalla frase: “Un passo avanti per la legalità”. Celebre poi il suo “mi piace”, a giugno 2017, al commento di un utente che su Facebook proponeva forni per i migranti.

“Certe persone andrebbero eliminate dalla graduatoria dal tenore di vita che hanno. E poi vogliono la casa popolare. Un forno gli darei”, recitava il commento. L’autore del post era stato Davide Tempone, di Sarzana, indagato per il reato di discriminazione, odio razziale ed apologia del genocidio.

A novembre 2019 ha diffuso su Facebook un video in cui raccontava il suo viaggio in treno da La Spezia a Torino, accompagnato dalla scritta: “Unica italiana in un vagone di stranieri privi di biglietto. Grazie Pd. Grazie Renzi. E ora grazie a Giuseppi e ai 5S”. Ma adesso è al governo sia con il Pd che con i renziani, e sarà sottosegretaria del ministro della Difesa in quota dem Lorenzo Guerini.

Leggi anche: 1.  Governo Draghi: l’elenco completo dei sottosegretari e viceministri 2. Draghi nomina sottosegretario al Viminale l’uomo dei decreti sicurezza: il leghista Nicola Molteni 3. Parla il padre di Lucia Borgonzoni: “Deve ricordare che la cultura è il contrario della xenofobia”
Ti potrebbe interessare
Politica / Di Maio vede Sala per parlare di un nuovo progetto politico
Politica / M5S, Conte dopo l’incontro con Draghi: “Restiamo nel governo ma serve discontinuità”
Politica / Cannabis, parlamentari della Lega a Salvini: “Pronti a barricate in Aula”
Ti potrebbe interessare
Politica / Di Maio vede Sala per parlare di un nuovo progetto politico
Politica / M5S, Conte dopo l’incontro con Draghi: “Restiamo nel governo ma serve discontinuità”
Politica / Cannabis, parlamentari della Lega a Salvini: “Pronti a barricate in Aula”
Politica / La grande illusione delle privatizzazioni: un fallimento lungo 30 anni
Politica / Rimandato il faccia a faccia tra Conte e Draghi. Si vedranno il 6 luglio
Politica / Governo, Calenda: “Non sarà un altro Papeete. Conte fa solo sceneggiate”
Politica / Ius Scholae, Renata Polverini (FI) perentoria: “Voterò sì, è la mia battaglia. Da Meloni mi aspetto un colpo di scena”
Politica / Di Maio: “Qualcuno cerca il pretesto per far cadere il governo, ma se si va al voto il Paese va nel baratro”
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”