Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:10
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Scuola, il sottosegretario leghista Sasso colpisce ancora: dopo lo stalker dell’Azzolina arruola il docente amico della moglie

Immagine di copertina
Da sinistra a destra: il leader della Lega, Matteo Salvini, il sottosegretario Rossano Sasso e la moglie di quest'ultimo, Graziangela Berloco

Il giallo che avvolge il dicastero di viale Trastevere. Ma il sottosegretario si difende: "Mia moglie è venuta a portarmi qualche panino e a scegliere il colore delle cornici di un quadro a cui tengo"

Dopo il caso dello stalker dell’ex ministra Lucia Azzolina (qui la storia), il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso finisce nuovamente nell’occhio del ciclone per il ruolo che sua moglie, Graziangela Berloco, avrebbe ricoperto all’interno del ministero, favorendo la nomina di alcuni docenti nello staff del marito, vicini all’associazione che la donna presiedeva fino a poco tempo fa.

C’è un primo fatto: così come ricostruito anche da La Repubblica, infatti, la donna, avvocato dei docenti precari italiani, i quali da sempre sono in conflitto con il ministero dell’Istruzione, avrebbe affiancato il marito nella scelta della squadra che dovrà occuparsi della scuola, secondo le deleghe che sono state assegnate a Sasso dal ministro Patrizio Bianchi.

E sarebbero stati proprio Sasso, già balzato agli onori delle cronache per aver erroneamente attribuito a Dante una frase che in realtà era di Topolino, e la moglie Graziangela, fino ieri presidentessa dell’Associazione libera scuola con sede a Bari, a promuovere Pasquale Vespa, stalker dell’ex ministra Azzolina, come “stretto collaboratore” del sottosegretario, incarico poi rimosso in seguito alle polemiche scaturite in seguito alla sua nomina.

Successivamente, il sottosegretario e la moglie hanno portato nell’ufficio di Viale Trastevere Gianni Romeo, un altro professore del giro dell’Als, l’associazione specializzata in diritto scolastico e della quale era presidente la moglie di Sasso.

“Ringrazio Rossano Sasso per la fiducia accordatami – ha dichiarato il docente – è per me un onore poter lavorare in stretta collaborazione con lui”.

Romeo e la moglie di Sasso, Graziangela, lo scorso 8 gennaio, così come testimoniano le foto pubblicate sul profilo Facebook del docente, avevano presentato alla Corte costituzionale la legge di iniziativa popolare per la formazione-assunzione di ogni supplente che sia stato almeno tre anni in cattedra proprio in veste di rappresentanti dell’Als – L’associazione Libera Scuola.

moglie sottosegretario istruzione

Interpellato da La Repubblica, Sasso ha smentito che la moglie abbia avuto un “ruolo” all’interno del ministero: “Per quanto riguarda il ruolo da suggeritrice di mia moglie – dichiara il sottosegretario – vorrei dire che al ministero in questi giorni è venuta a portarmi qualche panino e a scegliere il colore delle cornici di un quadro a cui tengo. Confermo che le ho chiesto di non occuparsi più di ricorsi contro il ministero dell’Istruzione, anche se ha una specializzazione in Diritto scolastico, e lei di sua spontanea volontà si è appena dimessa dall’incarico di presidentessa dell’Associazione libera scuola”.

“Sta soffrendo molto e la ringrazio della generosità – conclude Sasso – La questione precari nella scuola è troppo importante, voglio tornare al centro della cronaca con i contenuti delle mie battaglie”.

Sulla nomina di Vespa, invece, il sottosegretario ha dichiarato: “Sono dispiaciuto che la ministra Azzolina abbia letto l’assunzione di Vespa come una rivalsa nei suoi confronti”.

“Ma io l’avevo chiamato nel mio ufficio solo perché era un esperto nel mondo del precariato. No, non avevo controllato il suo profilo Facebook, non sapevo dei modi violenti. L’avevo conosciuto, avevamo condiviso tante battaglie e ho pensato a lui quando ho avuto bisogno di una figura tecnica”.

“Il ministro Bianchi ha chiuso l’incidente e ora è Vespa a subire minacce per cui nessuno pagherà. Non tornerà nel mio ufficio, qualche volta lo sentirò per avere spunti sul tema” ha dichiarato Sasso.

Leggi anche: Crede di citare Dante, in realtà è Topolino: la gaffe del neo sottosegretario leghista all’Istruzione

Ti potrebbe interessare
Politica / Ddl Zan, che cos’è la “tagliola” e come funziona la procedura speciale
Politica / Draghi va allo scontro con i sindacati sulla legge di bilancio, possibile sciopero generale
Politica / Ddl Zan, il Senato vota Sì alla “tagliola”: stop alla legge con 154 voti favorevoli a scrutinio segreto
Ti potrebbe interessare
Politica / Ddl Zan, che cos’è la “tagliola” e come funziona la procedura speciale
Politica / Draghi va allo scontro con i sindacati sulla legge di bilancio, possibile sciopero generale
Politica / Ddl Zan, il Senato vota Sì alla “tagliola”: stop alla legge con 154 voti favorevoli a scrutinio segreto
Politica / Matteo Renzi torna da bin Salman in Arabia Saudita nel giorno del voto sul Ddl Zan al Senato
Politica / La parità salariale è legge: il Senato approva all’unanimità
Politica / Giorgetti punta a fare il premier dopo Draghi: il viaggio negli Usa è stato il suo primo esame da leader
Politica / Ddl Zan: “Superare il voto di domani, altrimenti la legge è morta”
Politica / Ciaccheri: il Municipio VIII incontra delegazione Zapatista
Politica / I sospetti di Palazzo Chigi su Letta: “Vuole logorare Draghi per impedirgli di andare al Quirinale”
Politica / Deputato M5S chiede a Draghi di salvare l’orario di “Un posto al sole”