Covid ultime 24h
casi +22.930
deceduti +630
tamponi +148.945
terapie intensive +9

Costo dei rimpatri: ecco quanto spende l’Italia per rimandare i migranti nei paesi d’origine

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 4 Ott. 2019 alle 15:26
204
Immagine di copertina
Rimpatri aerei Credit: AFP

Quanto costano all’Italia i rimpatri dei migranti nei paesi d’origine

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede venerdì 4 ottobre hanno presentato il Piano rimpatri sicuri, che ha l’obiettivo di accelerare le espulsioni dei migranti irregolari arrivati in Italia e che non hanno i requisiti per rimanervi.

Le decisioni sui rimpatri, secondo il capo politico dei Cinque Stelle, verranno prese in 4 mesi e non più in due anni. Ma la difficoltà principale dei rimpatri resta il costo altissimo da sostenere.

Rimpatri migranti: ecco quanto costano

L’Europa sta spendendo milioni di euro per i rimpatri forzati di migranti verso i loro paesi di origine, con costi fino ai 90.000 euro per singolo rimpatrio in un caso limite.

Finora le spese italiane ammontano a 11.731.250 milioni di euro, dei quali la maggior parte, 9,7 milioni, sono stati destinati ai rimpatri forzati e la restante parte ai rimpatri volontari. La distinzione tra rimpatri forzati e rimpatri volontari è necessaria non solo per il differente stato giuridico dei migranti, ma soprattutto per la differenza di trattamento economica dei tue tipi di procedimenti.

Secondo i dati Frontex, gestire una singola pratica di rimpatrio ha un costo medio di 5.800 euro che comprende il volo di linea e l’accompagnamento della persona nel paese d’origine.

L’utopia dei rimpatri

Rimandare in patria i migranti sbarcati sulle nostre coste non solo costa, ma richiederebbe quasi un secolo.

Se si stima che a oggi, in Italia, ci sono circa 500mila immigrati irregolari, un rimpatrio di massa arriverebbe a costare pertanto quasi 3 miliardi di euro. Ma la difficoltà più grande riguarda anche la possibilità di stringere accordi di riammissione con i Paesi del Nord Africa e di farli rispettare. Senza questi, un migrante rimpatriato non viene fatto rientrare nel proprio Paese di origine.

Per quanto riguarda inoltre la tempistica, numeri alla mano: se nel 2017 sono stati circa 6mila i migranti rimpatriati, considerando i 500mila “irregolari” sarebbero necessari 83 anni per rivederli tutti “a casa loro”.

Leggi anche:

• Di Maio: “Firmo un decreto per i rimpatri in 4 mesi”

• I rimpatri di Salvini sono un flop: i nuovi dati del Viminale

• La ministra Lamorgese fornisce i dati sul tasso dei rimpatri dei migranti dall’Italia: “È basso e deve crescere”

• Migranti, Salvini voleva seicentomila rimpatri: cosa dicono i numeri

204
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.