Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Il commento di Zingaretti all’addio di Renzi al Pd: “Ci dispiace. Errore”

Immagine di copertina

Il commento di Zingaretti all’addio di Renzi al Pd: “Ci dispiace. Errore”

Matteo Renzi lascia il Pd: ma qual è il commento di Nicola Zingaretti? Il suo commento, a poche ore di distanza dall’ufficialità della scissione, lascia tutti spiazzati. Zingaretti non cita neanche il nome di Matteo Renzi, e commenta su Facebook: “Ci dispiace. Un errore. Ma ora pensiamo al futuro degli italiani, lavoro, ambiente, imprese, scuola, investimenti. Una nuova agenda e il bisogno di ricostruire una speranza con il buon governo e un nuovo Partito democratico”.

Un commento di Renzi all’addio di Renzi inaspettato, di pochissime (e fredde) parole. Gli appelli all’unità da parte di Zingaretti e altri membri del Pd si erano moltiplicati nelle scorse ore. “La nostra storia ci ha insegnato che quando ci dividiamo quasi sempre perdiamo”, aveva detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

“Se stiamo parlando di un fatto drammatico come la scissione non troviamo scuse come il fatto che dei militanti hanno cantato Bandiera Rossa a una festa del Pd. Non dobbiamo censurare o rimuovere la nostra storia, ma essere coscienti che è storia, vive nel passato, a cui dobbiamo guardare per vivere meglio il futuro. E la nostra storia ci dice che quando ci dividiamo quasi sempre perdiamo; quando siamo uniti, vinciamo”.

“Un Pd unito serve alla democrazia italiana e alla stabilità del Governo. Dividersi in questo momento è un gravissimo errore che l’Italia non capirebbe”, ha detto Zingaretti.

Anche Dario Franceschini, capo delegazione dem nel governo, aveva detto: “Renzi, non farlo. Il Pd è la casa di tutti, casa tua e casa nostra. Il popolo della Leopolda è parte del grande popolo del Pd. Non separiamo questo popolo, non indeboliamoci spaccando il partito di fronte a questa destra pericolosa”.

Ma gli appelli di Zingaretti e dei dem a Renzi sono caduti nel vuoto.

Qui alcuni link utili sulla vicenda della scissione di Matteo Renzi dal Pd:

Renzi lascia il Pd: “Uscire dal partito sarà un bene per tutti, anche per Conte”

Ecco chi segue Renzi e chi invece resta con Zingaretti

Matteo Renzi lascia il Pd: come si chiamerà il suo nuovo partito?

Ti potrebbe interessare
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Ti potrebbe interessare
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Politica / Le carte sull’inchiesta Open: il meglio tra chat, email e appunti dei renziani