Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

[Retroscena/M. Antonellis] A Renzi non è bastato aver fatto cadere il governo, vuole umiliare il Pd e chiede 4 ministeri

Immagine di copertina
Matteo Renzi. Credit: Ansa

La strategia doppio-giochista di Franceschini per andare al Quirinale; la maretta in casa Pd per le uscite di Concita De Gregorio

“Se finirà con un Conte Ter sarà stata la dimostrazione che Matteo Renzi ha fatto due mesi di casino solo per qualche poltroncina in più. Dall’1,5% finirà sotto l’1. Ma per certi giornali sarà sempre lui il vincitore. Misteri della stampa italiana”, rivelano gole profonde del Nazareno.

Un rimpasto di governo con Conte al comando, invece, permetterebbe al segretario Pd di cambiare qualche casella e di vedere un dem entrare a Palazzo Chigi, magari proprio quel Goffredo Bettini così stimato dal segretario. Franceschini –raccontano i soliti bene informati in Transatlatico – era il meno favorevole a questo scenario e nel Partito Democratico era quello più disponibile a sacrificare direttamente lo stesso Conte, allargando la maggioranza ai centristi per garantirsi una base più ampia nella corsa al Quirinale (e rendere anche meno decisivo Renzi).

Ma il suo disegno potrebbe essere finito in un vicolo cieco, visto che Conte è l’unico punto di equilibrio nella coalizione e Mattarella non vuole avvitarsi in una crisi lunga che possa sfociare alle elezioni. Quindi ora la battaglia si sposterà sui ministri. Renzi ne vuole addirittura quattro e punta a sostituire anche Gualtieri “per umiliarci”, dicono i Dem.

Che infatti fanno muro e di perdere l’Economia non ne vogliono sapere. Nel frattempo si è aperto un altro fronte, l’ennesimo, fra il Pd e Rai Tre, canale considerato da molti vicino ai 5Stelle. Ieri molti Dem sono rimasti letteralmente senza parole quando Fabio Fazio ha chiamato Concita De Gregorio nel suo programma Che Tempo che fa per parlare del suo attacco al Segretario Zingaretti partito dalle pagine di Repubblica.

“Senza un minimo di contraddittorio”, è l’accusa che fanno i Dem al conduttore in procinto di rinnovare il suo contratto per Viale Mazzini. E ieri le pagine social della trasmissione, durante l’intervento della giornalista di Repubblica, sono state prese d’assalto da molti commenti critici a questa scelta.

Leggi anche: 1. Conflitto d’interenzi (di Giulio Gambino) / 2. Quel rapporto con il principe d’Arabia Saudita: la crociata di Renzi sui servizi ora diventa sospetta (di Luca Telese) / 3. Le ultime notizie sulla crisi di Governo in tempo reale

Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Letta al centrodestra: “Chiudiamoci in una stanza a pane e acqua per trovare una soluzione”
Politica / Elezione presidente della Repubblica 2022, oggi in programma la terza votazione
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Letta al centrodestra: “Chiudiamoci in una stanza a pane e acqua per trovare una soluzione”
Politica / Elezione presidente della Repubblica 2022, oggi in programma la terza votazione
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Politica / Elezione presidente della Repubblica: il centrodestra propone i nomi di Pera, Moratti e Nordio
Politica / Quirinale, Letta preoccupato per le trattative: “Rischiamo di perdere Draghi anche a Palazzo Chigi”
Politica / Chi è Paolo Maddalena, l’ex giudice che ha ottenuto più voti alla prima tornata per il Quirinale
Politica / Quirinale, nuova fumata nera con 527 schede bianche, 39 voti a Maddalena e Mattarella. Il centrodestra propone Pera, Moratti e Nordio, no del centrosinistra. Letta: "Chiudiamoci in una stanza e troviamo una soluzione"
Politica / Quirinale, Liliana Segre: “No scheda bianca, oggi voterò un nome. Per me sacrificio essere qui”