Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Stem e parità di genere, la Regione Lazio approva la legge: “Primi in Italia”

Immagine di copertina

La passione per la scienza parla al femminile. Il Consiglio regionale del Lazio, presieduto da Marco Vincenzi, ha approvato una legge a sostegno delle donne nell’ingresso ai corsi di laurea STEM (scienza, tecnologia, ingegneria matematica).

“Una decisione fondamentale. Partendo dalle scuole, dal mondo dell’istruzione, gettiamo le basi per colmare un gap importante che vede le donne ancora troppo lontane dal mondo della tecnologia e della scienza. Ciò, purtroppo, spesso vuol dire anche perdere possibilità lavorative, in un mondo che guarda sempre di più alle discipline STEM. Grazie alla consigliera Michela Di Biase, prima firmataria della legge e a tutte le consigliere e i consiglieri di maggioranza e opposizione che hanno reso possibile questo risultato”. Così Marco Vincenzi, Presidente del Consiglio regionale del Lazio.

Michela Di Biase, relatrice della legge, ha espresso la sua soddisfazione: “Il provvedimento favorisce e incentiva azioni a sostegno delle donne nella scienza, attraverso progetti per la scuola primaria e secondaria, rivolte anche ai docenti, fino all’istruzione superiore, alla formazione professionale e all’accesso nel mondo del lavoro. Nello specifico, si tratta di iniziative volte a stimolare e incentivare l’apprendimento e la scelta delle materie Stem. Il Lazio, prima Regione in Italia, mette a disposizione uno stanziamento pari a 800mila euro (350mila nel 2022 e ulteriori 450mila per l’anno prossimo).
Oggi è tempo di immaginare e progettare un futuro diverso per non disperdere il talento femminile nella scienza. Il futuro nel Lazio è Stem e mi auguro possa esserlo presto anche nel resto del Paese”.

Secondo il Censis (2019) le laureate in Italia sono pari al 56% del totale, eppure sono ancora in minoranza nei percorsi di laurea tecnico-scientifici. Secondo diverse analisi saranno STEM circa due terzi delle possibilità di impiego che rimpiazzeranno i posti di lavoro delle persone che vanno in pensione. Per questo è bene intervenire e farlo presto. E questa legge va nella giusta direzione.

Ti potrebbe interessare
Politica / Matteo Renzi: “I magistrati hanno interrotto il cammino di crescita di Italia Viva”
Politica / Giornata contro l’omofobia, Mattarella: "Rispetto e uguaglianza sono principi non derogabili"
Politica / Berlusconi attacca Biden e la Nato: "Così Putin non tratta"
Ti potrebbe interessare
Politica / Matteo Renzi: “I magistrati hanno interrotto il cammino di crescita di Italia Viva”
Politica / Giornata contro l’omofobia, Mattarella: "Rispetto e uguaglianza sono principi non derogabili"
Politica / Berlusconi attacca Biden e la Nato: "Così Putin non tratta"
Politica / “Vergogna, venduto!”: Speranza contestato dai No Vax a La Spezia | VIDEO
Politica / Salvini dopo l’incontro con Draghi: “L’invio di armi in Ucraina allontana la pace. Serve il cessate il fuoco”
Politica / Giornata contro l’omofobia, la destra contro la circolare alle scuole: “Promuove l’ideologia gender”. M5S: “Protesta oscena”
Esteri / Guerra in Ucraina, Di Maio: “Bisogna tenere aperto un canale con Mosca”
Economia / Cingolani: “Siamo in economia di guerra, non di mercato”
Politica / Renzi su Elisabetta Franchi: “Frasi inaccettabili, nel mio governo le ministre hanno fatto tre figli in tre anni”
Politica / Alpini, Roberto Fico: “Siamo un Paese maschilista. Chi ha subito molestie denunci”