Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni Emilia Romagna, Bonaccini: “Tra Pd e M5s più cose che uniscono anziché quelle che dividono”

Immagine di copertina

Regionali Emilia Romagna, Bonaccini: “Tra Pd e M5s più cose che uniscono anziché quelle che dividono”

Il presidente della regione Emilia Romagna, e probabile candidato del centrosinistra, Stefano Bonaccini ha detto la sua sull’eventuale accordo per le regionali del prossimo 26 gennaio tra Pd e M5s. “Per fare un possibile accordo bisogna essere in due. Mi pare ci siano più cose che uniscono di quelle che dividono”, ha detto Bonaccini, sottolineando che le due condizioni per un accordo sono sedersi intorno a un tavolo per discutere e far sì che anche il M5s porti progetti e idee per migliorare la regione e farla competere in Europa.

“Il Movimento 5 Stelle potrebbe portare proprie sensibilità e idee per migliorare anche un progetto e un programma che non può fermarsi a quello che abbiamo fatto, ma deve immaginare una società futura nella quale l’Emilia Romagna vuole competere con i territori più avanzati d’Europa e del mondo”, ha detto Bonaccini.

Il governatore che sta per finire il suo mandato ha poi sottolineato che un accordo tra Pd e M5s ha senso solo se il suo significato non è quello di battere un avversario, perché in questo modo si avrebbe solo l’effetto di prendere in giro i cittadini.

Il nodo dell’accordo tra dem e Cinque Stelle è uno dei più caldi a pochi mesi dalle prossime elezioni regionali in Emilia Romagna. L’esperimento, avviato per la prima volta in Umbria lo scorso 27 ottobre, non ha dato i risultati sperati. Non è chiaro quindi se i due partiti di maggioranza torneranno a percorrere la strada dell’alleanza, e se il M5s sosterrà la candidatura di Bonaccini, a cui il Pd non vuole rinunciare.

Il presidente emiliano, esponente dem, ha detto poi di avere il sostegno di Matteo Renzi. Il leader di Italia Viva, “ha addirittura aggiunto tramite suoi esponenti, penso a Rosato, che sosterrà la mia candidatura con o senza i Cinquestelle”, ha detto Bonaccini.

“Penso che sia una battaglia dove non è che si gioca la partita perché il giorno dopo vincano Renzi, Salvini, Zingaretti, Di Maio, Meloni o meno. Il giorno dopo a governare l’Emilia-Romagna per cinque anni, non per due giorni, ci saranno o Bonaccini o Borgonzoni. Quindi i leader nazionali” sono “benvenuti, ma nel merito di questioni che aiutino l’Emilia-Romagna, non per un gioco nazionale nel quale il tema è chi tra loro prevale o soccombe”, ha proseguito Bonaccini.

Un passaggio delle sue dichiarazioni ai giornalisti a Bruxelles è stato dedicato alla plastic tax. “A mio parere servono incentivi e sostegni per la riconversione della filiera in alcuni casi”, ma “non tasse. Quello che ho detto al governo, ma credo che troveremo una risposta positiva, è che è giusto l’obiettivo”, ma si “deve evitare di scaricare i costi aggiuntivi sulle famiglie”, e “addirittura peggio sarebbe il rischio di perdita di posti di lavoro”, spiega Bonaccini. “Abbiamo bisogno di accompagnare la transizione verso il plastic free, che è doverosa e necessaria, con azioni che invece che tasse debbano prevedere incentivi alla riconversione, premialità verso il riciclo, il riuso o anche altri materiali tipo le bioplastiche”.

Leggi anche:

Regionali in Emilia-Romagna: testa a testa tra Bonaccini e Borgonzoni
“Salvini verrà con me alla Fiera dei Cornuti perché Lega è vicina agli italiani che soffrono anche in questo”: la candidata leghista in Emilia Romagna Lucia Borgonzoni parla a TPI

Pizzarotti a TPI: “In Emilia-Romagna vincerà il centrosinistra, ma l’alleanza Pd-M5S è sbagliata”

Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S