Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Dalle grandi opere ai mondiali di sci: quanto ci costano i super dirigenti chiamati a sbloccare un Paese bloccato

Immagine di copertina
Credit: Contrasto

Sono oltre 10mila manager e ci costano più di un miliardo di euro all’anno. Così, nell’emergenza permanente, l’eccezione è diventata la regola. Sul nuovo numero di TPI, in edicola da venerdì 19 novembre, l'approfondimento sui super-dirigenti chiamati dallo Stato a sbloccare il Paese

Guido Bertolaso, attuale consulente per la campagna vaccinale in Lombardia, da quando ha dismesso la divisa da capo della Protezione civile nel 1997, ci ha praticamente costruito una carriera. Ma, anche se gli altri hanno un cursus honorum più breve, è decisamente in buona compagnia: c’è quello “alto”, quello a cui tocca sfoggiare solo il titolo di delegato, quello prefettizio, il generale, quello ad acta e il titolo che la pandemia ha reso più noto di tutti: quello di “straordinario”. Dai mondiali di sci alle grandi opere, dall’ambiente alle crisi aziendali, dal Mose alle fognature, l’Italia è diventata una Repubblica fondata sui commissari. O, meglio, sui commissariamenti. Super dirigenti chiamati dallo Stato con l’idea di fondo di velocizzare e sbloccare. L’immagine che ne esce è quella di un Paese incapace di gestire le sue difficoltà, dove l’eccezione costituisce la regola e l’ordinario diventa (appunto) straordinario. Allora eccolo: un commissario per ogni “disgrazia” che non si possa risolvere attraverso le vie normali (la democrazia territoriale, il processo parlamentare, le leggi), ossia sempre. È un esercito composto da più di 10.400 manager, in alcuni casi arrivati per vie traverse con tanto di reprimenda incorporata del Comitato legislativo al governo. E ci costa oltre un miliardo di euro all’anno…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Politica / Io, portavoce di Di Maio e marito del viceministro Castelli. “Se mia moglie e Luigi litigano… scelgo Di Maio”
Politica / Europa, naufraga il progetto del partito sovranista di Salvini: una vittoria per Meloni
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Politica / Io, portavoce di Di Maio e marito del viceministro Castelli. “Se mia moglie e Luigi litigano… scelgo Di Maio”
Politica / Europa, naufraga il progetto del partito sovranista di Salvini: una vittoria per Meloni
Politica / Il Cnr assumerà tutti i 400 ricercatori precari che rischiavano il posto: “Risultato di una battaglia comune”
Politica / “Un giovane sano che si vaccina è un servo e va escluso dalla vita sessuale”: il post del consigliere leghista
Politica / Rincari bollette, Giorgetti: “Rischio black out energetico”
Politica / Svolta storica per il M5S, vince il sì al 2×1000. Conte: “È il principio della democrazia diretta”
Politica / “Vietato dire Natale”: l’Ue fa retromarcia sul linguaggio inclusivo
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort