Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Pnrr, il governo affida i fondi per l’aerospazio all’Agenzia spaziale europea (e non a quella italiana) regalandole anche 80 milioni di euro

Immagine di copertina
Vittorio Colao. Credit: Ansa

Così i soldi del Recovery italiano destinati all'aerospazio (1,3 miliardi di euro) sono a rischio. Dalla rubrica "Top secret" sul nuovo numero del nostro settimanale, in edicola dal 17 dicembre

«Ci sfugge quale possa essere l’interesse nazionale». I sindacati, compatti, hanno scritto a Mario Draghi e a Vittorio Colao per contestare la scelta di affidare quasi l’intera gestione dei fondi Pnrr destinati all’aerospazio, 1,3 miliardi, non a un ente italiano ma all’Esa, l’Agenzia spaziale europea. E neppure gratis: il 7 per cento del finanziamento, circa 80 milioni, verrà infatti devoluto all’Esa «per sostenere i suoi costi interni». In pratica, faremo gestire da altri i soldi destinati alla ripresa nazionale, lasciandogli pure la mancia. Ha senso? La scelta del governo, che molti vedono come un favore ai francesi (la cooperazione in campo aerospaziale è prevista dal Trattato Italia-Francia), è di certo una bocciatura senz’appello dell’Asi, l’Agenzia spaziale italiana su cui regnava il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Bruno Tabacci, che in agosto ha lasciato la delega perché in conflitto d’interessi dopo l’assunzione del figlio in Leonardo.

Ma i sindacati ora evidenziano altri punti deboli: dalla tortuosità dell’operazione (per operare in alcuni settori strategici per la sicurezza nazionale «l’Esa dovrà comunque fare ricorso all’Asi e ad altre istituzioni italiane») alle ricadute sull’occupazione (l’Esa assumerà personale, con stipendi doppi di quelli italiani, «senza garanzia che tale personale sia italiano»). A rischio, infine, è l’affidamento dei contratti. Le procedure Esa sono difformi sia dal nostro codice degli appalti sia da quelle Ue. E un possibile parere negativo della Commissione ci taglierebbe i fondi.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Letta al centrodestra: “Chiudiamoci in una stanza a pane e acqua per trovare una soluzione”
Politica / Elezione presidente della Repubblica 2022, oggi in programma la terza votazione
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Letta al centrodestra: “Chiudiamoci in una stanza a pane e acqua per trovare una soluzione”
Politica / Elezione presidente della Repubblica 2022, oggi in programma la terza votazione
Politica / RETROSCENA TPI – Renzi pronto a far eleggere Casellati in cambio della Presidenza del Senato
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Renzo Tondo
Politica / Elezione presidente della Repubblica: chi è Roberto Cassinelli
Politica / Elezione presidente della Repubblica: il centrodestra propone i nomi di Pera, Moratti e Nordio
Politica / Quirinale, Letta preoccupato per le trattative: “Rischiamo di perdere Draghi anche a Palazzo Chigi”
Politica / Chi è Paolo Maddalena, l’ex giudice che ha ottenuto più voti alla prima tornata per il Quirinale
Politica / Quirinale, nuova fumata nera con 527 schede bianche, 39 voti a Maddalena e Mattarella. Il centrodestra propone Pera, Moratti e Nordio, no del centrosinistra. Letta: "Chiudiamoci in una stanza e troviamo una soluzione"
Politica / Quirinale, Liliana Segre: “No scheda bianca, oggi voterò un nome. Per me sacrificio essere qui”