Covid ultime 24h
casi +13.114
deceduti +246
tamponi +170.633
terapie intensive +58

Rimpasto e nuovi ministeri: il piano di Conte per allargare la maggioranza

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 20 Gen. 2021 alle 08:06 Aggiornato il 20 Gen. 2021 alle 08:10
147
Immagine di copertina

Il premier Conte ha strappato la fiducia al Senato ma con 156 sì (per la maggioranza assoluta ne servivano 161) c’è ben poco da stare tranquilli. E allora, come lui stesso ha annunciato poco dopo il voto, si lavora per allargare la maggioranza di governo. Il piano è tirare dritto e pensare al rimpasto. Dimissioni? Tutt’altro, al massimo la salita al Colle è solo per riferire al presidente Mattarella.

Questa mattina c’è un vertice di maggioranza, si lavora per far approvare Recovery e scostamento di bilancio e, da qui a fine febbraio, dare la caccia ai responsabili per allargare la maggioranza relativa con cui ha salvato il suo governo dalla “irresponsabilità di Renzi”. Davanti al premier ci sono “due settimane di fuoco”: deve nascere, e in fretta, il gruppo centrista a Palazzo Madama.

L’obiettivo è la costruzione di un nuovo gruppo di “Popolari europei” o “Popolari d’Europa” che riunisca i “volenterosi” a cui ieri ha fatto appello il premier a Montecitorio, riferendosi a una forza politica europeista, liberale e moderata che accolga da destra e sinistra chi si vuole opporre a nazionalismo e sovranismo. “I numeri presto aumenteranno”, si dice fiducioso Conte. Sì, ma come? Senza il sostegno di Italia Viva, alcune commissioni parlamentari sono in mano alle opposizioni. Due, in particolare, preoccupano: Bilancio e Affari costituzionali. Nella prima deve tra l’altro transitare il Recovery Plan, nella seconda la riforma della legge elettorale in senso proporzionale.

La pressione delle truppe parlamentari dem per non escludere il “ter” esiste, anche per coinvolgere Graziano Delrio e Andrea Orlando. Ma si può fare parecchio anche con un semplice rimpasto. Nencini, che detiene il simbolo del Psi, gli ha detto in sostanza “fammi vedere le carte, progetto e programma”. All’ultimo secondo si è convinto e molti si aspettano che farà il ministro. Quagliariello respinge “annessioni”, ma non ha sbattuto il telefono in faccia a Conte. E così i tre senatori Udc, De Poli, Saccone e Binetti. Per Zingaretti “la porta è strettissima” e l’avvocato lo sa. Per Orlando si ipotizzano due caselle: Interno o Giustizia, in questo secondo caso dirottando Alfonso Bonafede ai Servizi.

E poi c’è l’Agricoltura, già promessa all’Udc se riterrà di entrare in maggioranza con i suoi tre senatori, portandosi dietro anche un altro parlamentare berlusconiano. E ancora, ballano il ministero della Famiglia e un posto da sottosegretario agli Esteri. Senza dimenticare anche l’ipotesi di sdoppiare qualche ministero, ad esempio Infrastrutture e Trasporti, ma anche Rapporti con il Parlamento e Riforme, affidando queste ultime al Pd.

Leggi anche: 1. “Aiutateci”: il discorso di Conte nel momento più difficile per l’Italia / 2. La politica per Renzi e Salvini è come la PlayStation: prima distruggi, poi cerchi un accordo / 3. Il discorso di Conte al Senato: “Crisi incomprensibile, ma adesso bisogna voltare pagina. Il Paese merita un governo coeso, chi ha voglia di costruire ci sostenga”

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

147
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.