Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Pd-M5S, scoppia la pace anche in tribunale: “Stop alle cause che ci vedevano contrapposti, cambiato clima politico”. Renzi: “Io non le ritiro”

Immagine di copertina

Pd-M5S: “Stop a cause che ci vedevano contrapposti, cambiato clima politico”

A quasi un anno dalla nascita del governo giallorosso e nel giorno in cui gli iscritti al M5S hanno dato il via libera sulla piattaforma Rousseau alle alleanze locali, tra Pd e Movimento 5 Stelle scoppia la pace anche in tribunale: i due partiti, infatti, hanno fatto sapere di ritirato le cause che li vedevano contrapposti. “Il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle hanno deciso di comune accordo di abbandonare alcune cause che li vedevano contrapposti. È inutile continuare ad intasare i tribunali perdendo tempo con vicende vecchie e superate, anche per coerenza rispetto al rinnovato clima politico”: è quanto si legge in una nota congiunta diffusa dai due partiti, che, insieme ad Italia Viva e Leu, formano la maggioranza del governo attualmente in carica.

Dopo anni di contrapposizioni, dunque, i due partiti hanno deciso di sotterrare l’ascia di guerra. Sono numerose le cause che entrambi i partiti avevano intentato nel corso degli anni. Tra le più famose, c’è la querela per diffamazione che il Partito Democratico aveva intentato contro Luigi Di Maio, allora capo politico del M5S, il quale aveva accostato il Pd ai fatti di Bibbiano, affermando che lui non avrebbe fatto accordi con il “partito di Bibbiano” che “toglie i bambini alle famiglie con l’elettroshock”.

Stop cause Pd-M5S, Renzi: “Io non le ritiro”

La scelta di Pd e M5S di ritirare le querele è stata commentata anche dall’ex segretario del Partito Democratico Matteo Renzi, il quale ha scritto sul suo profilo Facebook che lui non intende fare nessun passo indietro. “Prendo atto che il Pd ritira le cause contro Beppe Grillo – scrive il leader di Italia Viva – Rispetto la scelta, anche se mi dispiace per i militanti: querelando Grillo – a nome PD – intendevo difendere l’onorabilità dei volontari, volgarmente accusati non solo sui social. Per quello che invece mi riguarda personalmente non intendo ritirare nessuna azione civile avanzata contro Beppe Grillo e contro Il Fatto Quotidiano”.

pd m5s cause

Davide Faraone, ex esponente del Pd che ha seguito Renzi in Italia Viva, ha scritto sui social: “Ha fatto bene Matteo Renzi a dire che non ritirerà alcuna querela. Le ragioni per difendere l’onorabilità di una comunità di persone c’erano allora e continuano ad essere vive oggi. Naturalmente questo nulla ha a che fare con la giustizia più veloce. Incredibile solo a dirlo da chi ha abolito la prescrizione senza riformare i processi. Semmai è propedeutico ad un accordo organico Pd e M5S che fa comprendere ancora più chiaramente perché è nata Italia Viva e le ragioni che ci hanno spinto a stare lontani anni luce dal Partito Unico Populista”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Ti potrebbe interessare
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Chi è Stefano Lo Russo, il nuovo sindaco di Torino
Politica / Berlusconi attacca i no vax: “Eroe è chi blocca un treno per Auschwitz, non un porto per il green pass”
Politica / Ballottaggi: il centrosinistra vince a Roma e Torino. Letta: "È un trionfo", Salvini minimizza. Il centrodestra conquista Trieste
Cronaca / Alla chiusura dei seggi ieri aveva votato solo il 33,32% degli aventi diritto
Politica / Il grande flop del Partito Gay: alle amministrative percentuali da prefisso telefonico
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso
Politica / Maurizio Landini a TPI: “La nostra piazza più forte di loro”