Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Quando il Pd chiamava Conte “coso” e lo definiva “imbarazzante”

Immagine di copertina
Credit: Photo by Bertrand GUAY / AFP

Se alla fine l'accordo tra Pd e Cinque Stelle davvero andrà con Conte premier, per alcuni deputati e senatori sarà molto difficile votare la fiducia a un Conte bis

La crisi di governo che va avanti dall’8 agosto scorso sta certamente costringendo i partiti e i movimenti politici a confrontarsi con dichiarazioni nettamente contrastanti con l’attuale quadro di contrattazioni.

Se alla fine l’accordo tra Pd e Cinque Stelle davvero andrà in porto all’insegna del premier Conte, per alcuni deputati e senatori sarà molto difficile votare la fiducia a un Conte bis.

SE NON VISUALIZZI GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI CLICCA QUI <

Uno di questi è certamente Filippo Sensi che durante questi mesi di governo gialloverde ha sempre irriso il premier chiamandolo “Coso” ; “Coso che dice ai giornalisti “sono io la massima autorità di governo” mi sembro io e gli “stasera non esci” a Camilla”, cioè la figlia; “Ma quindi mi nasce la lista Coso?”; “Certo la perfidia, poro Coso, il giorno del compleanno”, il commento nella serata in cui Salvini metteva fine al governo.

Crisi di governo: il riassunto della giornata di ieri

Ma non c’è solo Sensi.

Matteo Renzi, il 3 giugno, quando Conte parla in una conferenza stampa a proposito del chiarimento con i due vice Matteo Salvini e Luigi Di Maio e sul bilancio del primo anno di governo, scriveva su Facebook: “La conferenza stampa di Conte segna oggi una figuraccia per le istituzioni e per Palazzo Chigi. Un premier che non decide, non conta, non governa”.

Di lui, il 7 agosto, dirà anche: “È semplicemente imbarazzante”.

Così come, il senatore renziano Francesco Bonifazi, e il deputato Michele Anzaldi, in passato lo definiscono “burattino”, a proposito nella vicenda sull’immunità per il ministro dell’Interno e dell’influenza che sui di lui eserciterebbe il suo portavoce Rocco Casalino. O ancora la senatrice Simona Malpezzi quando si riferiva a Conte dicendogli: “Ma che razza di uomo di legge sei?”, o il capogruppo alla Camera Andrea Marcucci che gli diceva “sei solo chiacchiere e distintivo”.

Al momento, comunque, questo matrimonio Pd-M5S sembra più che in salita: stando a quanto riferito da fonti Dem è stato annullato il vertice in programma delle 11 tra le delegazioni del M5S, Di Maio e Conte, e del Pd, Zingaretti e Orlando. Al Nazareno sarebbe giunta una telefonata da Palazzo Chigi al Nazareno per annullare l’incontro.

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Emergenza climatica come la pandemia, agire subito o sarà troppo tardi”
Politica / Perché la Cultura sarà importante per il prossimo sindaco di Roma
Politica / Prodi a Letta: “I diritti non bastano, il Pd faccia più proposte forti”
Politica / Green Pass, Letta: “Salvini su questi temi è irrilevante nel Governo, nemmeno la Lega lo segue”
Politica / Don Matteo della Mancia: Salvini ha scambiato i social per la realtà e si è perso per strada la Lega
Politica / Il candidato di centrodestra Bernardo agli alleati: "Datemi i soldi della campagna elettorale o mi ritiro"
Politica / Vittorio Feltri: “Il centrodestra è una coalizione del ca**o. A Milano vincerà Sala”
Politica / Caos Lega: ora Salvini sta scontentando tutti. L’ala “no green pass” è sul piede di guerra
Politica / La lista della Lega esclusa dalle comunali a Napoli: il Consiglio di Stato conferma la decisione
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)