Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Rai, Cdp, Ferrovie dello Stato: al via la grande spartizione tra PD, 5 Stelle e Lega

Immagine di copertina

Come già ampiamente riportato da TPI, almeno fino a metà maggio non inizierà la vera giostra delle grandi nomine nelle partecipate pubbliche. Questo non vuol dire, però, che i partiti non stiano già brigando per “guadagnare tempo”. Anche perché devono ancora ben capire quali gradi di libertà gli lascerà Mario Draghi in fatto di nomine e per questo tentano di cucinare accordi stile “Cencelli”.

In questi giorni gira nei palazzi del potere uno schema (secondo i bene informati ispirato dai vertici leghisti ma a quanto pare non solo da loro) che prevedrebbe al Pd l’Ad di Cassa depositi e prestiti, al Movimento 5 Stelle l’Ad di Ferrovie e alla Lega l’Ad della Rai. Insomma, è pronta la “grande spartizione” tra i principali partiti che sostengono la maggioranza di governo.

Questo per quanto riguarda gli amministratori delegati mentre per quanto riguarda i Presidenti verrebbero scelti tra nomi forti graditi non solo ai partiti ma anche a Palazzo Chigi (tipo il binomio De Bortoli/Masi di cui si parla tanto per la Rai). L’incognita principale però è quella iniziale: che farà Mario Draghi? Quale grado di libertà concederà ai partiti in fatto di nomine?

Il refrain che circola a palazzo è il seguente: “È giusto che ognuno lavori ai propri dossier ma poi Draghi e il sottosegretario alla presidenza Garofoli tireranno le somme”. C’è poi un’altra incognita, quella riguardante i vertici di Leonardo; vertici che per molti potrebbero cambiare subìto dopo l’approvazione del prossimo bilancio.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Caro-energia: perché decabornizzare è meglio di diversificare (di L. de Santoli)
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Opinioni / Sui diritti umani c’è ancora tanto da fare, ma le donne iraniane ci ricordano ciò per cui vale la pena lottare
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Caro-energia: perché decabornizzare è meglio di diversificare (di L. de Santoli)
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Opinioni / Sui diritti umani c’è ancora tanto da fare, ma le donne iraniane ci ricordano ciò per cui vale la pena lottare
Opinioni / Criminalizza gli studenti e disprezza i poveri: il primo a essere rimandato dovrebbe essere il ministro Valditara (di L. Telese)
Opinioni / Bollette, Buste paga e Benzina: ecco le 3 B dalle quali deve ripartire la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / I vecchi elenchi non sono carta straccia, raccontano come erano le nostre città (di S. Mentana)
Opinioni / Ma voi ve la ricordate, Letizia Moratti? (di L. Telese)
Opinioni / Discutere di Letizia Moratti per la sinistra è un segno dei tempi. Pessimi
Opinioni / Da “Io sono Giorgia” a “Io sono Mario bis”, il passo è stato breve grazie a Giorgetti (di G. Gambino)
Opinioni / Toccatemi tutto ma non Giorgia: ecco il metodo Sallusti, elogi sperticati alla premier, insulti per tutti gli altri