Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

I partiti al lavoro sulle nomine delle partecipate: e sulla Rai è scontro tra Salvini e Giorgetti

Immagine di copertina

 

Assolto Descalzi non c’è per ora un rischio di anticipo per le nomine della partecipate che avverrà nella seconda metà di maggio. Detto questo il lavorio del Palazzo sulle nomine è già intensissimo. In particolar modo sulla Rai dove infuria uno scontro incentrato sul successore di Salini.

Con Zingaretti segretario sembrava che il PD avesse ipotecato la posizione di capo azienda a Viale Mazzini a favore di Andrea Scrosati ora questa ipotesi sembra scemata sia perché Enrico Letta ha più nel cuore Matassino (attuale Dg Rai) e Tinny Andreatta (figlia del suo maestro Beniamino Andreatta e gradita all’asse Mattarella/Franceschini) sia perché la Lega sta tentando l’assalto alla posizione sperando in Elisabetta Ripa Ceo di Open fiber (secondo Forbes una delle donne più influenti d’Italia) e, in subordine, sull’interno Marcello Ciannamea (alcuni in ambienti leghisti puntano anche su Teresa De Santis).

In pista c’è poi anche il nome di Del Brocco. Per la presidenza, come anticipato da tempo da TPI, c’è la candidatura autorevole di Ferruccio De Bortoli che in passato aveva declinato ma oggi sembrerebbe più willing. De Bortoli sarebbe insidiato dall’ipotesi Mauro Masi (che lascerebbe libera la posizione in Consap) caldeggiata da chi , fuori e dentro la Rai, punta ad un Presidente forte sull’azienda e non necessariamente sui media.

Girano anche altri nomi (Sergio, Annunziata, Di Bella) ma, almeno per il momento, con minori chances. Per i posti in Cda (sono quattro, uno spetta al rappresentante del personale Rai) non dovrebbero esserci problemi per Fratelli d’Italia, 5Stelle (che puntano anche alla conferma di Carboni al Tg1) Lega e PD.

PS, a proposito di Lega: il capitano Salvini non vuole assolutamente lasciare in mano a Giorgetti (GG per gli amici) la partita delle nomine Rai…

Ti potrebbe interessare
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Opinioni / La stampa nel mirino e quei giornalisti uccisi in Ucraina e a Gaza per chiudere gli occhi del mondo sulle guerre
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Ti potrebbe interessare
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Opinioni / La stampa nel mirino e quei giornalisti uccisi in Ucraina e a Gaza per chiudere gli occhi del mondo sulle guerre
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Opinioni / Legge, ordine e manganelli (di M. Cirinnà)
Opinioni / La democrazia non è solo contare i voti ma un insieme di regole e meccanismi (di S. Mentana)
Opinioni / Basta armi: serve un’Europa non allineata (di Yanis Varoufakis)
Esteri / Due anni di guerra e un’America sempre più lontana: l’Europa è al bivio
Opinioni / Perché non dobbiamo sottovalutare la rivolta dei trattori
Opinioni / Ilaria Salis va difesa. Ma non dimentichiamo le nostre ingiustizie
Opinioni / La colpa è sempre del padrone? Perché sui cani che uccidono la questione è prima di tutto culturale