Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Nomine, si stringe: ecco chi è in pole per i vertici di Ferrovie, Cdp e Rai. In Viale Mazzini partiti spingono per la soluzione interna ma Draghi vuole un nome nuovo

Immagine di copertina
Il premier Mario Draghi. Credit: ANSA

I cacciatori di teste ingaggiati dal Mef (Ministero dell’Economia, ndr) stanno completando in queste ore la short list per le Ferrovie, poi si passerà a Cdp (Cassa Depositi e Prestiti, ndr). E anche quella riguardante la Rai è pronta.

In Ferrovie tutto è incentrato sulla ricerca dell’amministratore delegato e, come anticipato da TPI, gira forte il nome di Paolo Scaroni, ex ad di Eni, ora vice president di Banca Rotshild, nonché amico storico di Mario Draghi. Nelle ultime ore si parla anche di Donato Iacovone, ex gran capo di Ernst&Young Italia e ora di Webuilt/Impregilo.

Su Cassa Depositi e Prestiti restano forti sia la candidatura di Dario Scannapieco sia la resilienza di Fabrizio Palermo (Conte e Di Maio stanno spingendo per la riconferma). Nelle ultime ore si è cominciato anche a parlare del possibile arrivo di una donna al vertice di Cdp (i cacciatori di teste sono già stati allertati in tal senso).

Il borsino della candidature in Rai segna forte per la carica di amministratore delegato il nome dell’interno Marcello Ciannamea (con Del Brocco in risalita), anche se una parte del mondo finanziario milanese sta spingendo per l’ex Raffaele Agrusti (anche ex Generali).

Tra le possibili scelte esterne restano in pista Elisabetta Ripa, Laura Cioli e una new entry: Alessandra Perrazzelli, vice-direttore generale di Banca d’Italia e molto stimata da tutto l’asse Cinque Stelle-Pd.

Per la poltrona di presidente la lotta è tra la giannilettiana Simona Agnes e l’economista di sinistra Stefania Bria, anche se resta molto forte la candidatura di Mauro Masi.

Questi i nomi che rimbalzano tra cacciatori di teste, Mef e partiti. La sintesi, però, spetterà personalmente al presidente Draghi e potremmo vederne delle belle. Perché, se i partiti prediligono la soluzione interna (e la prediligono anche i tanti produttori di contenuti che vivono sulle spalle del mondo Rai), dalle parti della presidenza del Consiglio vogliono esattamente l’opposto: un nome nuovo.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Ti potrebbe interessare
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S
Politica / Esclusivo TPI – Tutti i (costosissimi) voli privati noleggiati dalla Fondazione Open per Renzi &Co.
Politica / Regeni, Palazzotto a TPI: “Responsabilità chiare, ora l’Italia alzi il livello del conflitto politico con l’Egitto”
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Politica / Io, portavoce di Di Maio e marito del viceministro Castelli. “Se mia moglie e Luigi litigano… scelgo Di Maio”