Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » TV

Si lavora alla nomina dei vertici Rai. E intanto fioccano le indiscrezioni sui palinsesti tra novità e conferme

Immagine di copertina

Ritorna il mitologico Processo del Lunedì di Biscardi? No ma quasi. Perché l’idea allo studio, per certi versi rivoluzionaria, di Rai 2 in vista della prossima stagione è quella di spostare (sempre con i conduttori attuali Mia Ceran, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu) Quelli che il calcio al lunedì sera in “prima”, in modo da coprire lo spazio che storicamente in Rai è sempre stato del mitico Aldo Biscardi.

Ma le indiscrezioni riguardo i palinsesti di Rai 2 non finiscono qui: si va verso la conferma di Milo Infante con Ore 14 (a dispetto delle voci degli ultimi giorni; d’altra parte ha collezionato ottimi ascolti) ritornerà anche Anni 20 che però si rifà il look, cambierà conduttore e tornerà (ma solo) in seconda serata.

Tornano anche Il Collegio e Il Provinciale. Conferma anche per lo spazio televisivo dei Lunatici. Tra un palinsesto e l’altro, continua anche il grande gioco ad incastri per la nomina dei nuovi vertici di viale Mazzini.

In particolar modo tra le forze politiche si punta sui candidati “interni” ovvero coloro che da anni navigano il mondo targato Rai. I nomi più gettonati al momento sono due: Marcello Ciannamea, apprezzato per le sue capacità editoriali e Roberto Sergio, ritenuto tra i migliori conoscitori della macchina aziendale. Apprezzate anche le sue doti di comunicatore, doti preziose in una Rai che dovrà affrontare in sequenza l’elezione del nuovo Capo dello Stato e del nuovo parlamento.

Intanto, dopo le anticipazioni riportate ieri da TPI riguardanti la durissima presa di posizione di Michele Anzaldi, stamattina anche Andrea Romano esponente della Vigilanza Rai targato Pd ci va giù pesante: “È assolutamente inaccettabile che il Consiglio di Amministrazione, ormai scaduto e in procinto di essere profondamente rinnovato, si occupi dei palinsesti autunnali del servizio pubblico come risulta dall’Ordine del Giorno della sua seduta odierna”.

“Se il Presidente e l’Amministratore Delegato stanno evidentemente utilizzando ogni pretesto per prorogare la propria permanenza ai vertici dell’azienda pubblica, il Consiglio di Amministrazione dovrebbe limitarsi all’ordinaria amministrazione senza alcuna pretesa di disporre scelte e orientamenti che saranno di competenza del prossimo CdA ormai in dirittura d’arrivo. Lo richiede il buon funzionamento del Servizio Pubblico Radiotelevisivo e la stessa qualità delle scelte aziendali di medio e lungo periodo”.

Leggi anche: 1. Rai, corsa contro il tempo per approvare i palinsesti prima del nuovo Cda “made in Draghi” / 2. Veltroni sbarca su Radio 1: condurrà un programma. Una mossa per il Quirinale? / 3. Rai, la scure sui programmi: cancellato Alberto Angela, a rischio anche “Anni Venti”

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Se il Pd pensa solo alle alleanze è un problema per tutto il centrosinistra (di S. Mentana)
Costume / Questo modello del lavoro non ci rende felici. E 1,6 milioni di italiani hanno detto basta (di G. Gambino)
Opinioni / Se ci si insulta in rete è anche perché non diamo valore a ciò che scriviamo (di S. Mentana)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Se il Pd pensa solo alle alleanze è un problema per tutto il centrosinistra (di S. Mentana)
Costume / Questo modello del lavoro non ci rende felici. E 1,6 milioni di italiani hanno detto basta (di G. Gambino)
Opinioni / Se ci si insulta in rete è anche perché non diamo valore a ciò che scriviamo (di S. Mentana)
Opinioni / I pompieri della Grenfell Tower hanno il cancro: così la nostra società li ha condannati a morte (di G. Gambino)
Opinioni / Il semipresidenzialismo di Meloni aumenta le disuguaglianze (di P. Maddalena)
Opinioni / Un’alternativa credibile alla destra è possibile (di G. Gambino)
Opinioni / Parenti serpenti: così le parole del fratello di Francesco Rocca mettono a rischio la sua candidatura alla Regione Lazio
Opinioni / Il “pauperismo delle élite” contro Conte: ecco perché si possono difendere i più deboli pur andando a Cortina (di L. Telese)
Economia / Perché in Italia la settimana corta resta un tabù
Opinioni / Così la nuova destra vuole imporre il suo pensiero unico (di G. Valentini)