Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Meloni furiosa con l’ex ministra Trenta: “Il suo cane Pippo scortato al ministero con l’auto blu”

Immagine di copertina

Dopo la casa, il cane: continuano le polemiche sul’ex ministra Elisabetta Trenta, e stavolta ad alimentare i veleni è Giorgia Meloni.

Tutto è nato da un articolo pubblicato dal Messaggero. Il quotidiano romano spiegava che il cane della Trenta sarebbe stato accompagnato in diverse occasioni al ministero “usufruendo” dell’auto di servizio.

Nel pezzo, a firma di Mario Ajello, non si parla di una vera e propria scorta (il verbo “scortare” viene usato tra virgolette) per Pippo, il cane di Elisabetta Trenta, e si precisa che sul tema non sono in corso indagini.

L’animale, insomma, potrebbe essersi semplicemente “accodato” alla ministra quando quest’ultima doveva recarsi al ministero.

Sia come sia, Giorgia Meloni ha attaccato Trenta su questa vicenda con un post su Facebook: “Dopo lo scandalo della casa a cui non voleva rinunciare, ora si aggiunge la scorta con l’auto blu (pagata dai contribuenti) al cane dell’ex ministro Trenta. Alla faccia della lotta ai privilegi del M5s”, ha scritto la leader di Fratelli d’Italia.

Nell’immagine del post campeggia la figura di Luigi Di Maio, con l’ex ministra Trenta sullo sfondo e il cagnolino in primo piano che afferma: “Restituiremo metà dei croccantini”.

meloni trenta

La casa dell’ex ministra Trenta

Elisabetta Trenta, martedì 19 novembre, ha annunciato che lascerà la casa al centro delle polemiche di questi giorni.

La ex ministra della Difesa del governo giallo-verde infatti, come scoperto dal Corriere della Sera, vive ancora insieme al marito militare nell’alloggio ministeriale che le era stato assegnato quando era al governo.

Trenta si era difesa spiegando che il marito, essendo un ufficiale dell’esercito con un incarico di prima fascia, formalmente avrebbe diritto allo stesso alloggio che era stato assegnato a lui e alla moglie in precedenza.

Ma, dopo le polemiche e la posizione di Luigi Di Maio, che aveva definito “inaccettabile” il fatto che rimanesse in quell’abitazione, l’ex ministra ha deciso di traslocare.

L’ex ministra Trenta lascia la casa: pagava solo 141 euro al mese d’affitto
Ecco la casa della ex ministra Trenta nel centro di Roma | FOTO E VIDEO
No cara ex ministra Trenta, la politica non è mantenere privilegi a vita a spese dei cittadini (di Elisa Serafini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Politica / Calenda pronto a sfidare Conte nel collegio di Roma 1: “I 5 Stelle hanno devastato la Capitale”
Politica / Renzi: “Se il Pd candida Conte a Roma lo farà senza di noi. È un seggio parlamentare, non un banco a rotelle”
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi