Covid ultime 24h
casi +19.886
deceduti +308
tamponi +353.704
terapie intensive +11

Mattarella cita Segni ed esclude un secondo mandato: “Sette anni sono sufficienti, no alla rieleggibilità”

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 2 Feb. 2021 alle 10:00 Aggiornato il 2 Feb. 2021 alle 10:11
905
Immagine di copertina

Mattarella cita Segni ed esclude un secondo mandato

Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, cita il suo predecessore, Antonio Segni, ed esclude un secondo mandato come presidente della Repubblica.

Le dichiarazioni di Mattarella sono arrivate in occasione dei 130 anni dalla nascita di Antonio Segni. Nel ricordare la sua figura, infatti, il Capo dello Stato ha citato un messaggio che Segni recapitò alle Camere e nel quale espresse la “convinzione che fosse opportuno introdurre in Costituzione il principio della ‘non immediata rieleggibilità’ del Presidente della Repubblica”.

Segni, ricorda Mattarella, in quell’occasione definiva “il periodo di sette anni sufficiente a garantire una continuità nell’azione dello Stato”.

È la prima volta che il presidente in carica si esprime, anche se indirettamente, su un possibile secondo mandato. Negli ultimi mesi, infatti, diverse indiscrezioni volevano i partiti pronti a mettere in atto un estremo tentativo per convincere Mattarella ad accettare un secondo settennato.

Ipotesi sempre esclusa dal Colle, secondo fonti vicine al presidente, e ora in qualche modo confermata dallo stesso Mattarella attraverso le parole del suo predecessore, Antonio Segni.

Leggi anche: Crisi di governo, Mattarella attende Fico, ma non è disponibile a concedere altro tempo: convergenza su Conte oppure si procederà con nuove consultazioni / 2. El Pais elogia Sergio Mattarella: “Un presidente solo nella tempesta, suo mandato esemplare” / 3. Quirinale, ipotesi bis Mattarella. Letta a TPI: “Vedrete che alla fine correranno tutti da lui”

905
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.