Covid ultime 24h
casi +26.831
deceduti +217
tamponi +201.452
terapie intensive +115

La destra in piazza per il 2 giugno: Lega, Fdi e Forza Italia manifestano a Roma

L'iniziativa contro il governo con flash mob silenziosi. Salvini, Meloni e Tajani a Piazza del Popolo

Di Donato De Sena
Pubblicato il 2 Giu. 2020 alle 07:14 Aggiornato il 2 Giu. 2020 alle 12:44
2.1k
Immagine di copertina
Tricolore in piazza Credits: ANSA

Manifestazione del centrodestra per il 2 giugno

Dopo la fase più dura dell’emergenza Coronavirus il centrodestra unito, Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia, torna in piazza il 2 giugno, nel giorno della Festa della Repubblica, per una manifestazione contro il governo Conte a Roma, in piazza della Repubblica. È il tentativo per ricompattare il fronte e rilanciare l’opposizione in una fase di tensione nel Palazzo e soprattutto nel Paese.

Assembramenti e niente mascherine

Assembramenti e zero mascherine. Eccola la piazza del 2 giugno. “L’Italia non si arrende”. La manifestazione che rompe L’Unità nazionale sotto un Tricolore che da Piazza del Popolo si snoda per trecento metri per via del Corso. Centinaia di militanti rispondono così alla chiamata via social dell’ex ministro dell’Interno.

Lega, Fdi e Forza Italia a Roma con flash mob silenziosi

I tre principali partiti di centrodestra avevano annunciato la manifestazione in piazza per manifestare contro le politiche “confuse e inefficaci” del governo e a sostegno dell'”Italia che non si arrende” alle conseguenze economiche della pandemia. L’iniziativa è stata però ridimensionata rispetto al progetto iniziale di evento nazionale, che è stato rinviato a quando le condizioni di diffusione del contagio lo consentiranno. L’appuntamento è previsto per ora per il 4 luglio, ancora a Roma, al Circo Massimo.

La manifestazione di oggi prevede flash mob silenziosi, seppur dal grande impatto “simbolico e scenico”, nel centro della Capitale, tra via del Corso e Piazza del Popolo, e in altre città 70 di tutto il Paese, tra capoluoghi di regione o di provincia.

I leader Salvini, Meloni e Tajani a Piazza del Popolo alle 10

Il programma dell’iniziativa prevede che a Roma, a partire dalle 10, la partecipazione di Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio Tajani. Mentre Silvio Berlusconi si trova ancora in provenza con la famiglia, come per tutto il periodo di lockdown. Inoltre è stata prevista la presenza di circa 300 parlamentari e dirigenti di partito, in rappresentanza, equamente ripartita, di Lega, Fdi e Forza Italia.

Non è stata prevista nessuna bandiera di partito, ma solo tricolori e cartelli con frasi a sostegno delle categorie economiche più colpite dalle chiusure imposte dalle misure anti-contagio da Coronavirus. Le iniziative, cui parteciperà anche Cambiamo di Giovanni Toti, dovrebbero svolgersi nel pieno rispetto delle norme in vigore, con distanziamenti e mascherine, con l’obiettivo di essere, nei contenuti e nella forma, molto distanti dalle proteste inscenate nei giorni scorsi dai gilet arancioni di Antonio Pappalardo e dal movimento ‘Marcia su Roma’, che torneranno a manifestare proprio in piazza del Popolo domani, quattro ore dopo il centrodestra.

Meloni: “Non scendete in piazza”

A promuovere la manifestazione alla vigilia è stata soprattutto la leader di Fdi Giorgia Meloni. “​Domani – ha annunciato ieri in un video via Facebook – Fratelli d’Italia sarà in piazza, insieme agli alleati di Lega e Fi, per dare voce all’Italia che non si arrende”. “Non vi chiediamo di venire – ha precisato la presidente di Fdi rivolgendosi ai sostenitori – perché non conosciamo ancora la curva dei contagi, vogliamo una manifestazione sicura e non vogliamo dare alcun alibi al governo per giustificare i suoi fallimenti”. “Vi chiediamo però – ha aggiunto – di aiutarci a diffondere le immagini delle iniziative che pubblicheremo. In piazza vi aspettiamo il 4 luglio, per una grande manifestazione nazionale”.

Il messaggio di Meloni è stato una sorta di manifesto dell’iniziativa. “Abbiamo scelto la Festa della Repubblica – ha continuato la leader di Fratelli d’Italia – perché crediamo che non ci sia modo migliore per festeggiare la nostra Repubblica che rappresentare simbolicamente quei milioni di italiani che non ci stanno a un racconto di un’Italia destinata al declino per colpa dell’emergenza Coronavirus o delle scelte sbagliate del governo. Noi sogniamo una Repubblica di orgoglio, di libertà e di lavoro e sventoleremo le bandiere tricolori esattamente per questo”.

E ancora: “Sono iniziative simboliche quelle di domani: non vi chiediamo di scendere in piazza con noi. Abbiamo scelto di manifestare in sicurezza perché non conosciamo ancora la curva dei contagi dopo la riapertura e perchè non vogliamo dare alibi a un governo che non aspetta altro per scaricare la responsabilità dei suoi fallimenti su di noi”. “Vi chiederemo invece di scendere in piazza con noi il prossimo 4 luglio, quando, insieme, riempiremo il Circo Massimo con il nostro dissenso e le nostre speranze”, ha poi concluso.

Leggi anche: 1. Preparatevi: Salvini e Meloni per il 2 giugno faranno qualcosa di grosso per farsi notare a tutti i costi (di Giulio Cavalli) / 2. Da Pappalardo a Salvini: la destra mette le sue contraddizioni in piazza (Duomo)

2.1k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.