Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Da Pappalardo a Salvini: la destra mette le sue contraddizioni in piazza (Duomo)

Immagine di copertina

Con gli alleati Meloni e Berlusconi, la Lega manifesta "Per l'orgoglio italiano" e lo fa in occasione della Festa della Repubblica, della quale in passato aveva una considerazione un po' diversa

Dopo il Generale Pappalardo, tocca al capitano Salvini. Il centrodestra passerà il 2 giugno in Piazza Duomo, per una manifestazione dal titolo “L’Italia non si arrende – Per l’orgoglio italiano”. Sul manifesto c’è anche una patch con l’ormai celebre slogan “Prima gli italiani”. Repetita iuvant.

L’evento è annunciato come un “flash-mob” al quale gli organizzatori aspettano gli aderenti “in tutta sicurezza”. Speriamo davvero che tengano fede all’intento dichiarato, anche se fare meglio di Pappalardo e compagni non sarà difficile: per loro il Covid-19 nemmeno esiste, quindi perché curarsene? Sarà interessante sentire le loro argomentazioni in sede ufficiale, visto che il Sindaco Beppe Sala ha chiesto al Prefetto di denunciare i “gilet arancioni” per le loro evidenti violazioni delle norme sul distanziamento.

Rispetto al triplice richiamo alla Patria della manifestazione salviniana, l’implacabile memoria della Rete ha rispolverato uno dei numerosi tweet del leader leghista, che il 2 giugno del 2013 affermava che non ci fosse “un ca**o da festeggiare”. Poi, però, il tricolore è divenuto di gran moda anche tra chi in precedenza ne suggeriva usi originali.

Ma va tutto bene: il 2 giugno è la festa della Repubblica, si celebra il referendum che ha permesso a tutti di poter dire la propria, anche contraddicendosi. Si dia corpo, quindi, al giusto diritto di manifestare del centrodestra e di chi chiunque altro si riconosca nei valori della Repubblica.

Piuttosto, si colga l’occasione per superare finalmente quel “Decreto Salvini” del 2018, che, secondo interpretazioni convergenti, potrebbe essere contestato proprio in occasione delle manifestazioni come quella del 2 giugno, in quando impedisce gli “assembramenti”. Una parola, quest’ultima, che nel frattempo ha assunto un significato ben diverso. Tranne che per la folta truppa arancione di Pappalardo. Buona Festa della Repubblica a tutti coloro che ci credono veramente.

Leggi anche:

1. “Il virus non esiste”: i gilet arancioni in piazza a Milano e Roma violano tutte le norme anti-Covid 2. “Vi spiego cosa intendevo quando ho detto che la Lombardia aggiusta i numeri sul Covid”: Cartabellotta a TPI / 3. Spostamenti tra regioni, la decisione del Governo: via libera dal 3 giugno / 4. Avellino, il sindaco festeggia insieme ai giovani: movida fuori controllo | VIDEO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Opinioni / Lo shwa e il linguaggio inclusivo: quella piccola “ǝ” che cerca di sovvertire secoli di sessismo della lingua italiana
Cronaca / La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio
Ti potrebbe interessare
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Opinioni / Lo shwa e il linguaggio inclusivo: quella piccola “ǝ” che cerca di sovvertire secoli di sessismo della lingua italiana
Cronaca / La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio
Opinioni / Lo chiamano Celebrity Hunted ma (ogni tanto) sembra Pechino Express
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Economia / Adil e Luana, vittime dei “nuovi” caporali del Covid (di Luca Telese)
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Calcio / Il catenaccio: cosa racconta di noi lo schema tipico del calcio italiano (di S. Mentana)
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni