Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Io alternativo agli ultra-liberisti, Draghi e Berlusconi hanno fatto danni”

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

Per la seconda volta ci troviamo in grande difficoltà, poiché, con la mente obnubilata dal pensiero unico dominante del neoliberismo, si è perso di vista lo stesso “criterio” da utilizzare per la scelta del Presidente della Repubblica, e cioè la realizzazione dello Stato comunità che la Costituzione descrive, e dei mezzi indispensabili per la sua esistenza, mezzi che si riconducono alla nozione del demanio costituzionale, ben diverso dal demanio che è ancora descritto nel codice civile emanato sotto la vigenza dello Statuto di Carlo Alberto.

In proposito è innanzitutto da ricordare che il nostro Stato Comunità non è lo “Stato persona”, soggetto singolo e titolare della proprietà del superato  demanio civilistico (che, proprio per appartenere a un soggetto singolo, può essere sdemanializzato, o svuotato di contenuto con le concessioni), ma è lo “Stato comunità”, un soggetto plurimo, il Popolo, al quale appartiene una forma di demanio costituzionale, ben diverso da quello che ancora compare nel codice civile, la cui forma di appartenenza ha la natura di proprietà pubblica, e cioè di una proprietà che non può essere dismessa (sdemanializzata), in quanto non si può dare a uno quello che spetta a tutti, e non può essere svuotata del suo contenuto come avviene nella concessione della cosiddetta “piattaforma gestionale” (che comprende, non solo la gestione del bene, ma anche l’acquisizione dei relativi profitti). Tutto questo è scritto nell’articolo 42, primo comma, primo alinea, della Costituzione, il quale sancisce che la «proprietà è pubblica e privata», intendendo per proprietà pubblica, come subito sottolineò Massimo Severo Giannini, una «proprietà collettiva demaniale», e pertanto una proprietà inalienabile, inusucapibile e inespropriabile.

Un ottimo scudo contro l’invadenza e gli attacchi speculativi dell’attuale mercato generale. Il Presidente della Repubblica dovrebbe, dunque, essere una persona capace di attuare lo Stato comunità come sopra descritto, uno Stato che assicuri, con il suo intervento da imprenditore nell’economia, il benessere di tutti i cittadini, e non quello, come avviene oggi, delle multinazionali e della finanza. Di ciò purtroppo non hanno consapevolezza i grandi elettori, chiamati a eleggere il Capo dello Stato. Infatti, sono inaccettabili le candidatura finora proposte: quella di Berlusconi, che ha inferto all’Italia danni incalcolabili, durante la sua esperienza di Presidente del Consiglio dei Ministri; quella di Draghi che è stato il primo sostenitore delle micidiali privatizzazioni ispirate al neoliberismo, che hanno distrutto l’Italia del miracolo economico; e quella di Amato, che è stato il primo attuatore delle tesi sostenute da Draghi, privatizzando tutte le banche pubbliche, nonché l’Ina, l’Eni, l’Enel e l’Iri. Tutti Enti pubblici economici fuori commercio, e pertanto inalienabili, inusucapibili e inespropriabili, che costituivano una formidabile difesa contro i licenziamenti e la perdita di posti di lavoro, effettuati dalle SpA loro succedute. È molto difficile che i nostri “Grandi elettori” del Presidente della Repubblica siano capaci di trovare una persona che abbia la capacità di far ritornare l’economia italiana ai sacri principi produttivi dei sistemi di stampo keynesiano. Ma non tutto è ancora perduto.

Ricordo che più di una volta, con i metodi peggiori, è stato eletto l’uomo migliore, come è avvenuto con l’elezione di Sergio Mattarella. Ciò potrebbe avvenire anche oggi. E questo è il mio più sincero augurio. Intanto qualcosa di importante è già avvenuto. Il Gruppo misto di Camera e Senato ha indicato me come candidato alla Presidenza della Repubblica e il fatto positivo, non è certo l’indicazione della mia persona, ma il riferimento, chiaro e da tutti comprensibile, alla necessità di attuare la Costituzione, specialmente nel campo dei rapporti economici. Potrebbe essere il preludio di un movimento politico trasversale che unisca tutti coloro che non hanno perduto il loro spirito critico, per realizzare i principi fondamentali della nostra Costituzione repubblicana e democratica.

Ti potrebbe interessare
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Politica / Ciriaco De Mita: le cause della morte dell’ex premier e segretario della Dc
Politica / È morto Ciriaco De Mita: l’ex premier e segretario della Dc aveva 94 anni
Ti potrebbe interessare
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Politica / Ciriaco De Mita: le cause della morte dell’ex premier e segretario della Dc
Politica / È morto Ciriaco De Mita: l’ex premier e segretario della Dc aveva 94 anni
Politica / Processo Ruby ter: il pm di Milano chiede di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi