Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Caos M5S, lo scontro Grillo-Conte lacera il movimento. L’ex premier: “Il mio progetto va avanti”

Immagine di copertina

Dopo una giornata di scontri e botte e risposte via social e via interviste, Giuseppe Conte chiarisce il suo intento una volta per tutte: “Questo progetto politico evidentemente non lo voglio tenere nel cassetto, perché non può essere la contrarietà di una singola persona a fermare questa proposta politica che ritengo ambiziosa e utile anche per il paese”. La strada sembra essere una: l’ex premier è pronto ad avviare una scissione dai 5 Stelle per fondare un partito tutto suo.

Ricapitolando gli stracci volati negli ultimi due giorni: il fondatore Beppe Grillo aveva accusato Conte di avere “una visione seicentesca del M5S”, l’ex presidente del Consiglio dal canto suo lo ha accusato di “essere un padre padrone”. A fine serata Giuseppe Conte avverte: “Ho agito sempre in trasparenza. Sono pronto a pubblicare lo scambio di mail con Grillo, se lui mi autorizza”.

Quello che resta meno chiaro è il futuro del Movimento. Su questo fronte, si trova in una pessima posizione il capo politico reggente, Vito Crimi. Grillo gli ha ordinato di passare attraverso la piattaforma Rousseau entro e non oltre 24 ore. E nel caso di insuccesso “sarà ritenuto direttamente e personalmente responsabile per ogni conseguenza dannosa dovesse occorrere al Movimento”, secondo Grillo. La risposta di Crimi? Ha minacciato le dimissioni dal Comitato di garanzia ed anche la sua permanenza nello stesso M5S. E come lui anche gli altri componenti, Giancarlo Cancelleri e Roberta Lombardi, minacciano di fare lo stesso.

Intanto, dalla Bolivia arriva anche l’intervento di Alessandro Di Battista: “Il Movimento metta subito ai voti l’uscita dal governo Draghi”. Ma dall’Assemblea che si è tenuta a fine serata in via di Campo Marzio sembra ancora balenare la speranza di un ricongiungimento, una mediazione che potrebbe ancora evitare la scissione. Una cosa è certa: qualsiasi strada verrà presa, si dovrà ricominciare dalle macerie.

Ti potrebbe interessare
Politica / Lettera a TPI: “Alessandro, preparati”
Politica / Salvini ora contesta anche il vaccino obbligatorio per il personale scolastico
Politica / Scuola, obbligo di vaccino per il personale dal 12 settembre: le ipotesi al vaglio del governo
Ti potrebbe interessare
Politica / Lettera a TPI: “Alessandro, preparati”
Politica / Salvini ora contesta anche il vaccino obbligatorio per il personale scolastico
Politica / Scuola, obbligo di vaccino per il personale dal 12 settembre: le ipotesi al vaglio del governo
Politica / Green Pass, Massimo Cacciari: “Roba da regime dispotico. Sperimentazione di massa”
Politica / Salvini torna al Papeete e fa un selfie con Denis Dosio. Scoppia la polemica
Politica / “Draghi figlio di papà, non capisce un ca**o”: polemica per le parole di Travaglio
Politica / Giustizia, Di Maio e Letta obbediscono a Draghi: Conte avrà un contentino e darà l'ok alla riforma
Politica / Giorgia Meloni si è vaccinata: prima dose allo Spallanzani di Roma
Politica / Milano, Gino Strada sul candidato sindaco con la pistola: “Arma in ospedale? Chiamerei guardia psichiatrica”
Politica / Rai, il centrodestra diviso ha consegnato Viale Mazzini al Pd: ora Draghi è costretto a mediare