Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Da Bonafede a Taverna, da Toninelli a Fico: chi sono i big del Movimento che non potranno ricandidarsi

Immagine di copertina

Il dado è tratto: non ci sarà nessuna deroga al tetto dei due mandati tra gli esponenti del M5S, con buona pace dei “big” che non potranno ricandidarsi e ambire ai banchi del Parlamento per una terza volta. Dopo aver ricoperto ruoli di rilievo all’interno del Parlamento e dei governi di cui i grillini hanno fatto parte nella scorsa legislatura, i veterani dovranno comunque dire addio alla corsa elettorale. Il garante del M5S Beppe Grillo è stato irremovibile, nonostante Giuseppe Conte avesse aperto alla possibilità di fare eccezioni per i “meritevoli” e per chi avrebbe portato voti al partito in un momento in cui è stimato al 10 per cento. Ma chi saranno allora gli esclusi dalle liste elettorali?

Roberto Fico

Tra i “big” pentastellati c’è l’attuale presidente della Camera, in carica ininterrottamente dal 2018, Roberto Fico. 47 anni e originario di Napoli, vanta una militanza a sinistra prima di fondare nel 2005 i primi “Meetup- amici di Beppe Grillo” insieme al comico.

Paola Taverna

Rappresenta una delle voci più irriverenti del Movimento ed è tra le figure più vicine a Giuseppe Conte. Eletta senatrice per il M5S nel 2013, è stata rieletta anche alle elezioni del 2018. Attualmente è vicepresidente del Senato della Repubblica e dal 21 ottobre 2021 è vicepresidente del Movimento insieme a Mario Turco, Michele Gubitosa, Alessandra Todde e Riccardo Ricciardi. Prima di arrivare a Palazzo Madama, ha fatto la segretaria in uno studio legale e ha lavorato in un ambulatorio di analisi. Si è laureata a 50 anni in Scienze politiche all’università La Sapienza di Roma. Anche lei è nel Movimento sin dai primi Meetup.

Alfonso Bonafede

Avvocato del foro di Firenze ed ex ministro della Giustizia, è da sempre considerato uno degli esponenti di primo piano del M5S, nonché colui che ha portato Giuseppe Conte all’interno del Movimento. È stato eletto per la prima volta alla Camera nel 2013. Siciliano, originario di Mazzara del Vallo, ha 46 anni ed è stato uno dei parlamentari più vicini a Luigi Di Maio. Ha fatto parte del direttorio politico del Movimento nella scorsa legislatura.

Vito Crimi

47 anni e originario di Palermo, è considerato un grillino doc. Laureato in matematica, si trasferisce dalla Sicilia alla Lombardia e nel 2010 viene candidato dai 5 Stelle alla presidenza della Regione Lombardia, prendendo solo il 3 per cento. Tre anni dopo viene però eletto in Senato, diventando il primo capogruppo M5S a Palazzo Madama, riconfermato poi alle elezioni politiche del 2018. Diventa presidente ad interim del partito dal 22 gennaio 2021 al 6 agosto 2021, durante il passaggio dalla “reggenza” Di Maio a quella di Conte. Anche lui, come Fico e Taverna, fa parte del M5S sin dall’epoca dei “Meetup”.

Gli altri parlamentari esclusi del M5S

Tra i parlamentari che hanno già alle spalle due legislature e saranno esclusi dalla prossima corsa al voto anche il ministro delle Politiche giovanili Fabiana Dadone, quello per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà, l’ex ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, Riccardo Fraccaro, il presidente della commissione Affari costituzionali Giuseppe Brescia, Nunzia Catalfo, ex ministro del Lavoro, il tesoriere del M5s Claudio Cominardi, Gianni Pietro Girotto e l’ex ministro della Salute Giulia Grillo.

Ti potrebbe interessare
Politica / Zaia: "L’omosessualità non è una malattia, l’omofobia sì. Basta tabù sui diritti"
Politica / Elezioni, Adinolfi a Tpi: “Letta e Meloni sono come Sandra e Raimondo, litigano ma sono uguali”
Politica / L’aspirante candidata leghista alle politiche: “Le donne di sinistra? Scorbutiche, aggressive e acide”
Ti potrebbe interessare
Politica / Zaia: "L’omosessualità non è una malattia, l’omofobia sì. Basta tabù sui diritti"
Politica / Elezioni, Adinolfi a Tpi: “Letta e Meloni sono come Sandra e Raimondo, litigano ma sono uguali”
Politica / L’aspirante candidata leghista alle politiche: “Le donne di sinistra? Scorbutiche, aggressive e acide”
Politica / Liliana Segre a Giorgia Meloni: “Tolga la fiamma dal simbolo del suo partito”
Politica / Di Maio: “Gli steward dello stadio San Paolo sono i miei eroi”
Politica / Elezioni, al via la presentazione dei simboli di partito in Viminale: ecco i contrassegni depositati finora
Politica / Il disegno di Renzi e Calenda è chiaro: “Al prossimo governo di destra daremo una mano”
Politica / L’ultimo regalo di Draghi a Palazzo Chigi: Maserati in dote al governo. E tanti saluti alla transizione ecologica
Politica / Scompaiono i virologi, svanisce la pandemia. In campagna elettorale non c’è traccia del Covid
Politica / Calenda su Berlusconi: “Il Cavaliere non è in sé, non va eletto”