Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

M5S, nessuna deroga al tetto dei due mandati. Conte: “Grazie a chi ha lottato per il Movimento”

Immagine di copertina

Elezioni politiche, M5S: nessuna deroga al tetto dei due mandati

Non ci sarà nessuna deroga al tetto dei due mandati nel M5S: la decisione, anticipata dall’Adnkronos, secondo cui il leader del Movimento Giuseppe Conte avrebbe informato i big del partito che non avrebbero potuto candidarsi alle prossime elezioni politiche, è stata successivamente ufficializzata dal leader del Movimento Giuseppe Conte attraverso un post su Facebook: “Alle prossime elezioni politiche non troverete, tra i candidati del M5S, chi ha già svolto due mandati”.

Intervistato da TPI, l’ex premier, a proposito dei due mandati, aveva dichiarato: “Entro questa settimana chiariremo questo passaggio che rischia di distrarre l’attenzione dalle misure e dai programmi che proponiamo”.

Nella mattinata di venerdì 29 luglio, inoltre, Conte aveva annunciato che una decisione su una eventuale deroga al tetto dei due mandati sarebbe stata presa in giornata.

Tra i big del partito che non potranno ricandidarsi alle prossime elezioni politiche, dunque, figurano il presidente della Camera Roberto Fico, l’ex reggente Vito Crimi, gli ex ministri Riccardo Fraccaro e Alfonso Bonafede e Paola Taverna.

L’eventuale deroga al doppio mandato aveva provocato, secondo alcuni retroscena dei media, tensioni tra Giuseppe Conte e Beppe Grillo, il quale avrebbe addirittura minacciato l’addio al M5S. Una ricostruzione successivamente smentita dall’ex presidente del Consiglio.

“Tra me e Beppe Grillo non c’è stata nessuna telefonata ieri sera e quindi nessun aut aut – aveva dichiarato Conte – Smentisco categoricamente tutte le indiscrezioni in merito. Abbiamo di fronte una grande battaglia da combattere tutti insieme per il Paese, guardiamo uniti nella stessa direzione”.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Navalny era un nazifascista, no alla cittadinanza onoraria”: la protesta a Reggio Emilia
Politica / Lascia il consiglio comunale per allattare, candidata del Pd attaccata dalla Lega: “Come potrà fare il sindaco?”
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Ti potrebbe interessare
Politica / “Navalny era un nazifascista, no alla cittadinanza onoraria”: la protesta a Reggio Emilia
Politica / Lascia il consiglio comunale per allattare, candidata del Pd attaccata dalla Lega: “Come potrà fare il sindaco?”
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Politica / Cellulari in classe, Valditara: “Sconsigliato l’uso dalla scuola d’infanzia alla scuola media”
Politica / Rapporti Putin-Lega, pronta una mozione di sfiducia contro Salvini
Politica / Ponte sullo Stretto, aperta un’inchiesta sul progetto del ministro Salvini
Politica / Morte Navalny, Tajani: “Per Salvini serve chiarezza? Per me è indubbio che è stato fatto morire”
Politica / Sindaco nega cittadinanza a marocchina che vive in Italia da 21 anni: “Non sapeva rispondere a ‘Come ti chiami'”
Politica / Salvini: “Navalny? Capisco sua moglie, ma la verità la fanno medici e giudici”
Politica / Piantedosi: “Identificazione di chi deponeva fiori per Navalny? Non è un dato che comprime la libertà personale”