Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Retroscena TPI – Grillo irritato perché Conte voleva metterlo in disparte: il garante non teme il partito dell’ex premier

Immagine di copertina

Alla vigilia dell’annunciata conferenza stampa di domani, lunedì 28 giugno, Giuseppe Conte ancora non ha deciso che linea intraprendere, che cosa dire. I consigli che ha ricevuto vanno dal fare “un ultimo appello stile ‘prendere o lasciare'” al chinare il capo e accettare le condizioni poste da Beppe Grillo. A poche ore dal chiarimento pubblico -sempre che poi effettivamente si faccia – è buio totale, insomma, sul futuro dei Cinque Stelle, mentre Di Maio, Fico e il sociologo De Masi sono al lavoro per tentare un’ultima disperata mediazione. Ma non sarà facile.

“Sapete qual è il problema?”, dicono dalle parti di Beppe Grillo. È che all’Elevato volevano far fare la stessa fine di Casaleggio ma non ci sono riusciti. Sono andati a sbattere contro un muro. Questo, secondo i grillini della vecchia guardia, è stato l’errore più grave, la cosa ha irritato maggiormente Grillo.

Si puntava a mettere Grillo ai margini della sua stessa creatura. Ma stavolta le cose sono andate diversamente: non è assolutamente vero che i “gruppi” stanno dalla parte dell’ex presidente del Consiglio, spiega una fonte molto informata sui fatti. E lo dimostrerebbero i numerosi applausi ricevuti da Grillo durante il suo discorso dell’altro giorno di fronte ai parlamentari.

L’altro errore commesso da chi voleva mettere in disparte Grillo è che il garante non teme affatto un’eventuale lista personale di Conte. Il fondatore del M5S non crede minimamente che l’ex presidente del Consiglio possa avere la forza di mettere in piedi un nuovo partito e non crede neanche ai sondaggi che circolano in questi giorni, che vedrebbero un eventuale partito di “Giuseppi” tra il 10 e il 20%.

D’altra parte, se così fosse, se l’ex premier fosse così forte elettoralmente, perché non ha accettato di candidarsi alle suppletive romane (dove peraltro il sindaco è grillino)? E ancora: a che serve l’ennesimo partitino centrista in un mercato politicamente già saturo? Al massimo potrà essere una meteora come Mario Monti.

Questi sono i ragionamenti che si fanno dalle parti dell’Elevato. Perciò è “lui (Conte, ndr) che ha bisogno di noi, non noi di lui”. D’altra parte una delle battute più gettonate in questi giorni in casa grillina è la seguente: se oggi Mario Draghi avesse bisogno di parlare con qualcuno per capire cosa sta accadendo nei Cinque Stelle chi chiamerebbe, Giuseppe Conte? No, chiamerebbe Beppe Grillo o Luigi Di Maio. È tutta qui, in queste poche righe, la crisi del Movimento.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il Senato chiude e va in vacanza: Ddl Zan e riforma della giustizia possono attendere
Economia / Nessuno ne parla ma anche Draghi ebbe un ruolo decisivo nel crack Mps
Politica / Lettera a TPI: “La Logica cinica e perversa della riforma Cartabia”
Ti potrebbe interessare
Politica / Il Senato chiude e va in vacanza: Ddl Zan e riforma della giustizia possono attendere
Economia / Nessuno ne parla ma anche Draghi ebbe un ruolo decisivo nel crack Mps
Politica / Lettera a TPI: “La Logica cinica e perversa della riforma Cartabia”
Politica / L'ultimatum di Salvini a Draghi: "Il governo fermi gli sbarchi oppure sostenerlo sarà un problema"
Opinioni / Statuto M5s, Conte al bivio: "Se non ottiene un plebiscito la sua leadership va già in crisi" (di M. Antonellis)
Politica / Berlusconi incorona Salvini come leader del centrodestra
Politica / Green pass per i trasporti (ma da settembre), vaccini obbligatori per il personale scolastico
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Politica / Michele Santoro al TPI FEST! 2021: “Vi dico la verità sulle stragi di Mafia”
Politica / Gualtieri al TPI Fest: “Zingaretti mi chiese di candidarmi a Sindaco già lo scorso autunno”