Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Gallera in discussione. Bussolati e Majorino (Pd): “È la Giunta Fontana che deve andarsene”

Immagine di copertina

La Lega spinge per l'inserimento di una figura tecnica che collabori nella gestione di una situazione che rimane preoccupante. I due esponenti Dem, seppur critici con Gallera, non la considerano una mossa adeguata a risolvere i veri problemi della sanità lombarda

Al centro del ciclone rappresentato dalla pandemia di Covid-19 e dal suo drammatico impatto sulla Lombardia, l’assessore al Welfare Giulio Gallera è da mesi alle prese con voci che riguardano un possibile rimpasto che gli costerebbe il posto. Nel frattempo ci sono stati anche lo spostamento del d.g. del Welfare Luigi Cajazzo, alcune uscite polemiche da parte di Viviana Beccalossi (che fa parte della maggioranza), nonché la richiesta di commissariamento della sanità lombarda, più volte avanzate nei confronti del Governo centrale. Ciò nonostante, finora Gallera è rimasto saldamente al suo posto, difeso dalla maggioranza di centrodestra che governa la Regione Lombardia anche di fronte alla mozione di sfiducia presentata dal Pd e respinta, non senza polemiche.

Però, come riportato ieri da TPI, ora Gallera è alle prese con turbolenze interne. Secondo i rumors proveniente dal Pirellone, la Lega starebbe spingendo per ricorrere ai servigi di un tecnico che, almeno in linea teorica, si potrebbe sovrapporre all’operato quotidiano dell’assessore – anche senza ridimensionamenti formali – alle prese con la gestione di una situazione che rimane molto difficile.

Secondo quanto riporta Repubblica, il candidato in pole position per questo ruolo sarebbe Carlo Lucchina, ex d.g. della sanità lombarda. Se ne discuterà venerdì nel corso di un summit di maggioranza fortemente voluto dalla Lega, ma tale ipotesi suscita reazioni critiche proprio dagli esponenti del Pd che maggiormente hanno criticato Gallera nel corso della crisi pandemica: il consigliere regionale Pietro Bussolati e l’europarlamentare milanese Pierfrancesco Majorino.

“Girano voci di una possibile sostituzione (o affiancamento) dell’assessore Gallera per volontà, in particolare, della Lega. Di per sé sarebbe una decisione giusta e utile, avendo Gallera fallito nella tutela della salute dei lombardi e ampiamente dimostrato di essere inadatto al ruolo ricoperto”, afferma Bussolati, il quale tuttavia aggiunge: “C’è un grande ‘ma’. Gli stessi che oggi chiedono la sua testa lo hanno affiancato o assecondato per mesi nelle scelte. Gli stessi lo hanno difeso da ogni accusa, scaldandosi scompostamente ogni volta che ne abbiamo denunciato gli errori. Non ci bastano operazioni di trucco, sostituzioni o affiancamenti: la responsabilità della devastazione della medicina territoriale è del Presidente della Giunta lombarda Attilio Fontana”.

Sulla stessa linea Majorino, già assessore al Welfare del Comune di Milano: “Ecco che ora vogliono scaricare Gallera. Venerdì la destra fa una riunione apposta su spinta di Salvini. Ma ora l’unica cosa che conta sono le dimissioni di Fontana. O un commissariamento di tutti (certo non tipo Calabria…)”. Nel contempo, l’associazione Casa Comune (della quale Majorino è fondatore) ha lanciato una campagna per raccogliere le segnalazioni dei cittadini in merito a “cosa non sta funzionando nella sanità lombarda?”: una domanda alla quale si può rispondere con segnalazioni ed esempi scrivendo a info@casacomune.eu

Leggi anche: Esclusivo TPI: Covid, in Regione Lombardia è pronto un rimpasto. Gallera ora rischia davvero

Ti potrebbe interessare
Politica / Parte la raccolta firme per il Referendum sull'abrogazione parziale della legge elettorale Rosatellum
Politica / Schlein e Renzi abbracciati, Conte obbedisce al ct La Russa. E la Nazionale Politici batte i Cantanti
Politica / Pier Silvio Berlusconi: "L'aeroporto intitolato a mio padre? Non mi sono piaciute le modalità"
Ti potrebbe interessare
Politica / Parte la raccolta firme per il Referendum sull'abrogazione parziale della legge elettorale Rosatellum
Politica / Schlein e Renzi abbracciati, Conte obbedisce al ct La Russa. E la Nazionale Politici batte i Cantanti
Politica / Pier Silvio Berlusconi: "L'aeroporto intitolato a mio padre? Non mi sono piaciute le modalità"
Politica / Roberta Metsola rieletta presidente del Parlamento europeo
Politica / “Sono il civile De Luca”: la nuova gelida stretta di mano tra Meloni e il governatore
Politica / Luca Zaia: “Armi a Kiev? È giunto il tempo della diplomazia”
Politica / La stoccata di Geppi Cucciari al ministro Sangiuliano e a TeleMeloni: “Applaudite, qua non possiamo coprire i fischi”
Politica / Il ministro Sangiuliano contestato, ma su Rai 1 i fischi si trasformano in applausi: i video a confronto
Politica / Il monito di Mattarella contro la "democrazia della maggioranza”
Politica / Città contro campagna e il fattore banlieues: la mappa del voto in Francia