Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Italia a rischio Grecia, l’avvertimento di S&P al governo italiano: “Serve una manovra ortodossa”

Immagine di copertina

Sotto la lente d'ingrandimento anche i rapporti tra Italia e Unione Europea

Italia a rischio Grecia

Italia a rischio Grecia. L’allarme arriva direttamente da una delle più accreditate agenzie di rating, la Standard & Poor’s, che nel suo rapporto sui Paesi dell’Eurozona avvisa il nostro paese dei rischi che potrebbero derivare dall’approvazione di una manovra “non ortodossa e senza coperture”.

Certe mosse, per altro – come l’introduzione di una valuta parallela o di misure di bilancio senza copertura finanziaria, per eludere i vincoli fiscali stabiliti dai trattati Ue -, potrebbero addirittura mettere in discussione “l’adesione dell’Italia all’area Euro”.

Si tratta al momento soltanto di avvertimenti. “Non c’è adesso uno scenario da crisi del debito pubblico”, ma “potrebbe verificarsi una nuova crisi di fiducia come quella avvenuta in Grecia nel giugno 2015”, dicono gli analisti.

I rapporti tesi del governo italiano con l’Unione europea

Per l’agenzia di rating, il problema è il rapporto turbolento che il governo gialloverde ha instaurato con l’Unione europea. “Dopo aver vinto le elezioni parlamentari del marzo 2018 – scrive S&P nel suo report – l’attuale coalizione di governo ha velocemente congelato le modeste iniziative di riforma e ha iniziato a contrastare la Commissione Europea nel suo mandato di vigilare sull’osservanza da parte degli Stati membri della regolamentazione fiscale dell’Unione”.

Una controversia ha effetti ‘a catena’ anche “sul settore privato dell’economia, comprese le basi di finanziamento del sistema bancario di un paese. Questo è stato il caso della Grecia, un’economia molto più piccola (meno del 2% del Pil della zona Euro) nel giugno 2015”.

Dopo avere ricordato l’alto debito italiano e il fatto che all’interno dell’Unione monetaria non è possibile utilizzare la svalutazione per garantirne la sostenibilità, ma solo la leva della crescita, S&P osserva che “anche se l’economia italiana è molto più ricca di quella greca, le rigidità che caratterizzano il mercato del lavoro e il tessuto produttivo sono simili e frenano l’ingresso di nuovi attori e gli investimenti, con un impatto negativo sulla crescita”.

Quindi, gli occhi degli investitori sono ora puntati sulla prossima manovra economica del governo italiano. E sui rapporti di forza che Roma vorrà mettere in campo con l’Europa.

> Manovra 2020, sono iniziati i lavori: ecco cosa sappiamo finora, le prime informazioni
Ti potrebbe interessare
Economia / Nuovo accordo tra Luiss Business School, LEME e DEAS per formazione e ricerca sulla cybersecurity
Economia / Così le guerre in Ucraina e Medio Oriente hanno cambiato l’Italia
Economia / Stellantis, compenso da 36,5 milioni per l’a.d. Tavares: guadagna 518 volte più di un dipendente
Ti potrebbe interessare
Economia / Nuovo accordo tra Luiss Business School, LEME e DEAS per formazione e ricerca sulla cybersecurity
Economia / Così le guerre in Ucraina e Medio Oriente hanno cambiato l’Italia
Economia / Stellantis, compenso da 36,5 milioni per l’a.d. Tavares: guadagna 518 volte più di un dipendente
Economia / Lavoro, per il 68% degli occupati la priorità è lavorare meno: “Dimissioni fuga verso impiego migliore”
Economia / Rottamazione Quater: come pagarla online con Easypol
Economia / Il Superbonus scende al 70%, il decreto è diventato legge: cosa cambia
Pensioni / Trump si paragona a Navalny: “Gli Usa stanno diventando un Paese comunista”
Economia / Stellantis valuta di produrre auto elettriche cinesi a Mirafiori
Economia / Le Bahamas non sono più un paradiso fiscale, almeno per l’Ue
Economia / A Roma la prima riunione dell’EMC di UIC sotto la presidenza dell’AD Luigi Ferraris