Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

La lettera di Beppe Grillo sulla foto di Salvini con il mitra in mano

"Salvini è ministro dell'Interno a sua insaputa". L'affondo al leader della Lega dal garante del M5S

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 24 Apr. 2019 alle 17:26 Aggiornato il 24 Apr. 2019 alle 17:42
0
Immagine di copertina
Credit: Dagospia

Beppe Grillo ha scritto una lettera in cui analizza la foto pubblicata dallo spin doctor di Matteo Salvini, Luca Morisi, che ritrae il vicepremier leghista con il mitra il mano. L’immagine è stata diffusa sui social dal social media manager del ministro per augurare la Pasqua agli italiani.

“Il garzone social-mediatico sa che il suo soggetto vive un forte senso di inadeguatezza: uno che diventa ministro dell’Interno in Italia – regno della criminalità organizzata – ma parla solo di immigrati, ovviamente ha paura delle vere sfide che il ruolo gli porta a competenza”, scrive Grillo in una lettera al Fatto Quotidiano.

L’ex comico genovese e leader del M5s commenta provocatoriamente Salvini dicendo che non si ricorda di essere ministro dell’Interno.

“Probabilmente l’assistente mediatico in questione è l’unico a ricordarsi che il Matteo è ministro, in particolare dell’Interno, e coglie appena può l’occasione per appendere un paio di attributi finti al Carroccio, in linea con moltissima parte del popolo italiano: non vedere ma ostentare, non sapere ma parlare”.

“In questo particolare aspetto ha dalla sua quasi tutto il popolo italiano, abituato a fingere di non sapere che Mafia, Camorra e ‘Ndrangheta esistono anche se il ministro dell’Interno non ne parla”.

Grillo condivide anche il pensiero di molti, sostiene infatti che la foto sia stata pubblicata “per distrarre l’opinione pubblica dalle indagini su Siri”.

“Una sagra della polenta vi distruggerà” è il motto di questa immagine destinata, ne siamo certi, a passare alla storia”, chiosa Grillo.

Luca Telese – Auguri con il mitra: perché il post di Salvini non è golpista ma peggio, ridicolo

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.