Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Giorgetti punta a fare il premier dopo Draghi: il viaggio negli Usa è stato il suo primo esame da leader

Immagine di copertina

La missione negli Stati Uniti di Giancarlo Giorgetti è stata organizzata ufficialmente per stabilire rapporti con gli organi dell’amministrazione Biden che si occupano di commercio, lavorando un po’ come procacciatori di investimenti: “Credo che abbiamo fatto progressi, e ho riscontrato un grande senso di interesse nei confronti del sistema Italia” ha spiegato il numero due della Lega.

In realtà a via Bellerio, in casa leghista, sono in molti a ritenere che il vero obiettivo sia stato un’altro: “Punta a fare il presidente del Consiglio se Mario Draghi salirà al Colle” spiegano senza mezzi termini alcuni leghisti in Transatlantico ma per fare questo “ha bisogno di riposizionarsi con la Casa Bianca dopo le sbandate trumpiane di Matteo Salvini”.

Insomma, per aspirare alla presidenza del Consiglio c’è bisogno della “benedizione” Usa e Giorgetti, a differenza di Salvini, lo ha capito benissimo. Non per niente anche Silvio Berlusconi, come anticipato da TPI, si è messo alla ricerca di nuovo leader per il centrodestra ben sapendo che, anche a livello internazionale, i due sarebbero considerati inadatti per guidare il Paese.

Il vero esame da leader di governo per Giancarlo Giorgetti è arrivato il terzo giorno della sua permanenza negli Stati Uniti, quando si è incontrato, rigorosamente a porte chiuse con uno dei più importanti think tank americani. Un summit in piena regola lontano da occhi indiscreti.

È lì che c’è stato il vero “esame da leader”: domande sulla tenuta del governo, sulla gestione della pandemia, sull’economia e il Pnrr, sui rapporti con gli alleati di centrodestra ed anche sui rapporti interni alla Lega. In particolare oltreoceano hanno chiesto a Giorgetti garanzie sulla fedeltà Atlantica ed auspicato un riposizionamento politico del partito di via Bellerio in chiave centrista.

Stop al sovranismo, insomma. Chissà cosa ne penserà Matteo Salvini, visto che il German Marshall Fund, questo il nome del riservatissimo think tank, si muove solamente con i numeri uno o potenzialmente tali. Senza pensare che da proprio da lì (è stata la presidente del GMF) proviene Karen Donfried, sottosegretario per l’Europa di Joe Biden, e da oggi nuovo prestigiosissimo interlocutore di Giancarlo Giorgetti.

Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Ti potrebbe interessare
Politica / Monti: “Gli italiani? Hanno uno scarso livello di preparazione. Mia frase sull’informazione e il Covid infelice”
Politica / Quirinale, stop di Forza Italia a Draghi: “Se va al Colle si vota”. Ipotesi Cartabia prima donna premier
Politica / Draghi e i giovani: dialoghi sul futuro
Politica / Renzi perde pezzi: il senatore Grimani lascia Italia Viva per il gruppo Misto
Politica / Il Viminale spende in calendari e zodiaco
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S