Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Milano, Gino Strada sul candidato sindaco con la pistola: “Arma in ospedale? Chiamerei guardia psichiatrica”

Immagine di copertina
A sinistra: Gino Strada. A destra: Luca Bernardo (Credits: ANSA)

“Se io fossi primario in un ospedale milanese e uno dei miei medici avesse con sé una pistola, non so se chiamerei prima la guardia psichiatrica o la polizia. Di certo, in una corsia quel medico non ci resterebbe un minuto di più”: Gino Strada ha commentato così le dichiarazioni di Luca Bernardo, primario di pediatria al Fatebenefratelli e candidato sindaco di Milano per il centrodestra, che ha ammesso di portare con sé una pistola quando si reca in ospedale perché “minacciato” .

Bernardo, che detiene un porto d’armi, ha dichiarato di non portarla “in corsia tra i pazienti”. Eppure per Strada, medico e fondatore di Emergency, che ha lavorato a lungo in contesti estremi e teatri di guerra, portare una pistola in ospedale, anche in situazioni di pericolo, è una “negazione dell’essere medici”. “Io non ho mai portato una pistola, né in ospedale né altrove, e trovo che sia una negazione dell’essere medico”, ha dichiarato in un’intervista a Repubblica.

Tanto da chiedere ad uno dei medici del suo staff, che voleva procurarsi un’arma per sentirsi più sicuro, in missione in Afghanistan, di restare a casa. “Era determinato a tenersi un’arma anche in ospedale, per difesa personale. Gli abbiamo detto di rimanere a casa. Ma lo abbiamo mandato via per proteggere lui, attenzione, non era per punirlo. Perché un ospedale in cui entra una pistola è la totale negazione di quello che dovrebbe essere un ospedale”, ribadisce Strada.

“Io non metto in discussione che qualcuno possa avere un porto d’armi, ma il punto è che ce l’abbia un medico. Detto questo, se uno proprio deve avere una pistola, cosa che per me è inconcepibile, ma perché deve portarla in ospedale? Perché non può lasciarla a casa? Un ospedale, come dice la parola stessa, deve essere “ospitale”, non può mai esserci qualcuno che potenzialmente potrebbe uccidere con un’arma. Queste dinamiche devono stare fuori dall’ospedale, sennò lì il nostro ruolo è finito. Violare questo principio credo sia di una gravità estrema”, continua il medico.

E sulle future elezioni amministrative del comune di Milano, a cui Bernardo correrà, dichiara: “Non conosco il signor Bernardo, ma in generale penso che un sindaco sarebbe meglio che andasse con la Costituzione in tasca piuttosto che con la pistola. Il sindaco ha a che fare col benessere dei suoi cittadini. Ripeto, io non discuto il fatto che uno con il porto d’armi abbia diritto ad avercela la pistola, ma qui il problema è che si tratta di un medico e che per di più si presenta come candidato sindaco. Io preferirei non vedere un sindaco del genere, magari a cavallo, in stile sceriffo. Restiamo coi piedi per terra, per favore”.
Ti potrebbe interessare
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Ti potrebbe interessare
Politica / "Bertolaso vice di Calenda? Forza Italia vuole lasciare Michetti e guarda al candidato di Azione" (di M. Antonellis)
Politica / Conte a TPI: “Abolire il reddito di cittadinanza? Devono passare sul mio cadavere”
Politica / Il marito di Casellati inseguito dal Fisco per 145mila euro di Ici non pagata: la storia sul settimanale di TPI
Politica / Il governo pensa a uno stanziamento di 3 miliardi per limitare l’aumento delle bollette
Politica / M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte
Politica / Roma, il candidato sindaco Roberto Gualtieri suona "Estate" in una jam session con tre musicisti
Politica / Candidata di Forza Italia al municipio e segretaria del ministro Franco al Mef: la doppia carica di Serena Piccardi
Politica / Il Governo ora vuole limitare l’aumento delle bollette: le misure allo studio
Politica / Il governo frena sull’obbligo vaccinale: Draghi non vuole rompere con Salvini per non perdere il Quirinale
Politica / Il social media manager di Taffo scende in campo per Roma: “Le nostre idee per migliorare la città”