Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

L’annuncio a sorpresa di Gianluigi Paragone: “Mi candido sindaco a Milano”

Immagine di copertina
C’è un nuovo nome in corsa per Milano: Gianluigi Paragone annuncia ai microfoni di Alessandra Sardoni (Omnibus – LA7) la sua candidatura a sindaco: “È il momento giusto per dare la notizia, anche anticipando una conferenza stampa. Mi candido a sindaco di Milano con ItalExit e liste civiche“.

“Lo faccio perché ho assistito e sto assistendo a una mutazione di Milano. Le città stanno cambiando pelle. Milano è considerata la città più forte, la città con meno problemi ma non è esattamente così. Milano apparentemente può non avere problemi, ma le file, l’aumento delle code alla mensa della Caritas e alla mensa dei poveri sono la fotografia di un degrado di un abbassamento sociale della situazione dei cittadini. Vuol dire che quel famoso ceto medio è scivolato verso le posizioni più basse. Vuol dire che qualcosa non sta girando bene a Milano”, dice il senatore (ex M5s) del gruppo Misto e fondatore di No Europa per l’Italia – Italexit.

“E perché” – continua Paragone – “La risposta che mi sono dato è che c’è un sistema parallelo a quello dello Stato. Pensate ai fondi speculativi che di fatto sono delle nuove aree urbane, residenziali. I grattacieli di Milano sono quasi tutti nelle mani dei fondi. Oppure queste grandi multinazionali che hanno comprato i centri delle città. Sembra una vetrina unica, le identità delle città si perdono. E vediamo anche come la malavita e le mafie stanno riciclando il loro denaro negli esercizi commerciali in difficoltà”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi contro tutti: non si fida di Letta e Salvini, e con Conte è gelo totale
Politica / Ddl Zan, Draghi: “Il nostro è uno Stato laico, rispettiamo il Concordato. Parlamento libero”
Politica / Don Biancalani a TPI: “Ddl Zan serve, il Concordato? Chiediamocelo”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi contro tutti: non si fida di Letta e Salvini, e con Conte è gelo totale
Politica / Ddl Zan, Draghi: “Il nostro è uno Stato laico, rispettiamo il Concordato. Parlamento libero”
Politica / Don Biancalani a TPI: “Ddl Zan serve, il Concordato? Chiediamocelo”
Politica / Congedo di paternità, la proposta del Pd: “Portarlo da 10 giorni a 3 mesi”
Politica / Fico risponde al Vaticano sul ddl Zan: “Il Parlamento è sovrano e non accettiamo ingerenze”
Opinioni / Draghi irritato con Conte dopo le parole dell’ex premier sul Recovery: ormai tra i due è “guerra fredda”
Politica / Draghi in parlamento: "La fiducia sta tornando, ripresa sarà sostenuta"
Politica / Orfini al TPI Fest: “A Tor Bella Monaca Letta ha fatto una passerella”
Opinioni / Anziché intromettersi sul ddl Zan il Vaticano pensi ai reati sessuali dei preti
Politica / L'Ue approva il Recovery dell'Italia, Von der Leyen: "Piano ambizioso". Draghi: "Ora spendere bene e con onestà"