Covid ultime 24h
casi +14.078
deceduti +521
tamponi +267.567
terapie intensive -43

Gad Lerner: “Su Liliana Segre le stesse volgarità che colpirono Anna Frank”

Il giornalista manifesta la propria solidarietà alla senatrice a vita, vittima di messaggi d'odio a sfondo razziale, alla quale è stata affidata la scorta

Di Donato De Sena
Pubblicato il 7 Nov. 2019 alle 13:18 Aggiornato il 7 Nov. 2019 alle 17:17
1
Immagine di copertina
Gad Lerner, Liliana Segre, Anne Frank

Gad Lerner: su Liliana Segre stesse volgarità Anna Frank

Liliana Segre vtttima delle stesse volgarità che colpirono Anna Frank: è il giudizio espresso oggi, giovedì 7 novembre, dal giornalista Gad Lerner. Il giornalista esprime la propria solidarietà alla senatrice a vita, alla quale è stata affidata la scorta dopo le minacce ricevute di recente.

“Le stesse banalizzazioni, volgarità, insinuazioni su Anna Frank colpiscono adesso Liliana Segre. E qualcuno dirà che pure la scorta è un privilegio”, sono state le parole di Lerner durante la presentazione del docufilm ‘Annefrank tutte vite parallele’.

Nel documentario, prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital in partecipazione con RAI Cinema in collaborazione con Anne Frank Fonds di Basilea e Piccolo Teatro, la storia di Anna si intreccia con quella di 5 sopravvissute all’Olocausto (qui il trailer).

Il set è la camera del rifugio segreto dove Anna visse due anni, ricostruita nei minimi dettagli dagli scenografi del Piccolo Teatro. Protagonista del docu-film è anche l’attrice Premio Oscar Helen Mirrer che legge passi del diario.

Oltre le immagini di repertorio, il racconto di chi è sopravvissuto e anche di figli e nipoti. Il film sarà nei cinema solo l’11, il 12 e il 13 novembre, quindi l’obiettivo è portarlo nelle scuole e successivamente in tv.

Perdonaci Liliana: non bastavano i lager, con la scorta ti è stata inflitta un’ulteriore pena (di E. Serafini)

La scorta alla senatrice a vita

Per quanto riguarda l’affidamento della scorta, la misura di protezione per Segre era da tempo sotto esame. È stata poi disposta mercoledì scorso, 6 novembre, durante il Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico presieduto dal prefetto Renato Saccone e con al tavolo i vertici milanesi delle forze dell’ordine.

Saranno i carabinieri del Comando provinciale di Milano a garantire la misura di protezione alla senatrice a vita. Segre avrà due carabinieri che la accompagneranno in ogni suo spostamento.

Le minacce

Segre, sopravvissuta all’Olocausto e attiva testimone della Shoah italiana, di recente è stata raggiunta da centinaia di messaggi d’odio.

Due giorni fa è comparso uno striscione del movimento di estrema destra Forza Nuova davanti alla sede del Municipio 6 di Milano, dove la senatrice era attesa per partecipare a un incontro. Come denunciato dal quotidiano Repubblica, Segre riceve centinaia di messaggi incitanti all’odio razziale ogni giorno, un numero fornito dall’Osservatorio Antisemitismo.

Sugli insulti e minacce ricevuti dalla senatrice nei giorni scorsi la Procura di Milano ha aperto un’inchiesta, allo stato contro ignoti. Se ne occupa il Dipartimento antiterrorismo.

Leggi anche:

La Lega non vota a favore della commissione Segre: “Per parificare l’odio antisemita bisogna punire anche la cristanofobia”

Nuova Commissione Segre anti razzismo, comunità ebraiche a TPI: “Astensione destra lascia sgomenti”

Liliana Segre sull’astensione del centrodestra: “Credevo che la stagione dell’odio fosse finita, ma mi sbagliavo”

Liliana Segre consegna una pagina del suo diario dal lager per rispondere al centrodestra

Liliana Segre, la dura lettera del figlio Alberto: “Non vi meritate mia madre”

Liliana Segre, delirio del dirigente leghista: “Nonnetta mai eletta, vuole mandare Salvini nei campi di concentramento”

1
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.